Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

“Concerto per l’Epifania” a Barcellona Pozzo di Gotto. MUSICHE DI ZIPOLI CON LA DIREZIONE DEL M° LISANTI

- Di Giuseppe Messina -

   Con la direzione impeccabile del M° Carmine Daniele Lisanti ha avuto luogo nella bella cornice della chiesa barocca sconsacrata “S. Vito” di Barcellona Pozzo di gotto, adibita ad auditorium, il “Concerto per l’Epifania”, organizzato dall’Accademia Musicale di Messina con opere di Domenico Zipoli.

IMG 9052

   Protagonista è stata la bella musica barocca eseguita dal coro “Luca Marenzio” e dal coro di voci bianche e giovanili “Note Colorate” che, accompagnati dall’Ensemble di strumenti antichi “Orpheus”, hanno avuto il potere di attrarre tantissimi spettatori che non si sono risparmiati nell’applaudire. Possiamo dire che non potevano concludersi in maniera migliore le festività di fine ed inizio anno per la soddisfazione degli organizzatori e in particolare della musicologa Annamaria Puliafito che ha fatto da coordinatrice artistica, oltre che degli amanti della buona musica.

   La magnifica manifestazione altamente culturale è stata patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Barcellona Pozzo di Gotto che ha concesso l’Auditorium dove si cono visti alla ribalta, con il M° Carmine Daniele Lisanti, (attualmente docente di contrabbasso presso il Conservatorio Musicale di Reggio Calabria), le voci soliste Alessandra Foti, Stefania De Luca e Angelo Quartarone accompagnati dai due violinisti Giuseppe Fabio Lisanti e Gianfranco Lisanti (che hanno suonato gli strumenti barocchi concessi per l’occasione dal M° liutaio Ignazio D’Anna), da Nereo Luigi Dani alla viola da gamba, da Rosario Riso al contrabbasso, da Gabriele Di Pietra che ha suonato la Tiorba e la Chitarra barocca e da Giannalisa Arena al Cembalo.

IMG 9053

   Dell’Ensemble di strumenti antichi “Orpheus” possiamo dire che si ratta di un gruppo di giovani musicisti messinesi provenienti dalle file del Conservatorio musicale “Arcangelo Corelli” di Messina e da alcuni strumentisti, docenti e allievi, che provengono dalla sezione di musica antica dei Conservatori di Musica di Palermo e Trapani. Gli strumentisti vengono da diverse esperienze ed hanno dato vita a questa formazione spinti dal desiderio e dalla continua ricerca stilistica e dallo studio della prassi esecutiva antica.

IMG 9076

   Vale la pena soffermarsi un attimo sull’autore delle musiche, il gesuita missionario Domenico Zipoli, nato a Prato nel 1688 e trasferitosi nel 1717 in Argentina, prima a Buenos Aires, poi a Rio del la Plata e nel 1718 a Cordoba dove morì il 2 di gennaio del 1726 a soli 37 anni. Questo prelato, che ha prodotto un’enorme quantità di musica, rimasto per molto tempo sconosciuto in Italia, fu un eccellente compositore, maestro di coro e di organo nella chiesa dei gesuiti. Ben presto le sue opere divennero famose in Paraguay ed in Perù le cui composizioni interessarono il viceré che ne fece richiesta. La fama di Domenico Zipoli si divulgò in tutte le terre sotto l’egida dei gesuiti persino a centinaia di chilometri dove il musicista non arrivò mai tant’è che ricercatori ed esploratori giunti dall’Italia, dalla Francia e dalla Germania, attestarono di aver sentito “Musiche indicibili di rara bellezza, nello stile italiano ed esecutori straordinari che mai ci si sarebbe attesi di trovare”. Ecco, questa musica di rara bellezza abbiamo potuto ascoltare con immenso piacere la sera del 7 gennaio 2018, a Barcellona Pozzo di Gotto, grazie a straordinari esecutori che, in finale, hanno concesso il bis facendo onore alla grande musica ed al compositore Domenico Zipoli in particolare. 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Agosto 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31