Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

AL VIA I PROVINI PER IL FILM “L’ALTRA META’ DI ME SEI TU”

- di Giuseppe Messina -

   Per la bella città di Milazzo è da ricordare la data di domenica 3 giugno di questo 2018. È qui che si sono svolti i provini per la continuazione della realizzazione del film “L’altra metà di me sei tu” di cui è autrice, regista ed anche interprete Annarita Campo, assieme all’attrice, nativa di Santa Lucia del Mela, Rosemary Calderone. Un film, le cui riprese sono già iniziate in altri luoghi della Sicilia e che, buona parte del quale, saranno ambientate proprio a Milazzo, Santa Lucia del Mela e zone limitrofe Un film di cui, per il momento, possiamo soltanto affermare che si tratta di una narrazione molto interessante. Una inedita, non scabrosa bensì romantica e passionale storia d’amore, con risvolti straordinari tra due donne; una di quelle storie veramente originali che, ineluttabilmente farà molto riflettere.

Annarita Campo

   Così come aveva promesso al sindaco di Milazzo Dott. Giovanni Formica, il mese scorso, durante la conferenza stampa svoltasi nell’Aula delle Conferenze del Palazzo Comunale, la regista, a cominciare dalle ore 10,30 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00, ha scrupolosamente esaminato i tanti milazzesi e del comprensorio che si sono sottoposti al provino che ha avuto luogo nelle mura del castello, precisamente nell’ex Monastero delle Benedettine.

   Come richiesto dal bando pubblicato in questi giorni, anche su Facebook, potevano presentarsi uomini e donne dai 18 ai 60 anni con o senza esperienze cinematografiche alle spalle, bambini dai 5 agli 8 anni accompagnati da almeno un genitore.

IMG 9404

   La produzione era interessata anche a giocolieri, mangiafuoco e appassionati delle attività circensi, ma non è mancata la selezione di cantanti musicisti ed in particolare chitarristi e violinisti. L’annuncio della produzione era indirizzato, tra l’altro, a ricercare figure per lo staff, perciò potevano partecipare uomini e donne dai 18 ai 45 anni, con o senza esperienza cinematografica, per i ruoli di segretari di produzione, scenografi, autisti, desiderosi di avere una esperienza nel campo del cinema professionale.

   Come si ha avuto modo di affermare in altra sede, Annarita Campo è considerata una maestra del cinema italiano che, nonostante la giovane età, ha al suo attivo interessanti opere cinematografiche, superando sfide fuori dall’ordinario. Ella è sicuramente, una figlia di questa terra sicula che fa onore alle generazioni di personaggi colti che l’hanno preceduta. Il suo essere aperta ai diversi aspetti della cultura universale fa di lei un personaggio unico di cui la nostra società non può fare a meno e ciò e dimostrato dalle cose che ha realizzato, anche al di là delle opere cinematografiche, come il “Belluno Film Festival” ed il “Gattopardo Ibleo” dedicato al suo lontano parente ovvero Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa, autore di uno dei più importanti romanzi del XX secolo. È il prodotto del suo impegno che fa affermare questo; è il suo coraggio ed il suo amore per l’arte, non casuali, maturati fin da quando era una ragazzina: non dimentichiamo che all’età di 14 anni ha diretto e prodotto il suo primo lungometraggio “La lunga strada” dirigendo l’attore Giovanni Armone e, poi, a 16 anni “I Nomadi e a 22 Sandra Milo, quel mostro sacro creato dal genio Federico Fellini.

IMG 9622

   Per quanto riguarda Rosemary Calderone è un’attrice, che merita il successo, non soltanto per la sua preparazione artistica, per la sua bravura, ma anche per la sua grandissima umiltà, e se è vero che l’umiltà fa grande gli esseri umani, lei è un grande personaggio. Non basta avere frequentato corsi di specializzazione, accademie e quant’altro del genere per diventare buoni attori ed attrici se non si ha il grande pregio dell’umiltà. Rosemary ha frequentato il “Laboratorio di Ricerca Teatrale” del teatro Vittorio Emanuele di Messina, ha studiato presso “Studio Cinema”, l’“Accademia Internazionale di Teatro”, il Broadwey Musical Accademy ed i Master con Giancarlo Giannini e Ninì Ferrara, è stata protagonista nel cortometraggio “Il destino di un amore” scritto e diretto da lei stessa e la “Stanza Rossa” ambedue in concorso al “Davide di Donatello” 2018; ha partecipato ai films “A Better Tomorrow”, “Ballando in silenzio” e “Un tango prima di tornare”. In teatro, oltre al “Gladiatore”, è stata interprete in “A proposito di…”, “Donne”, “Caffè Chantant”, “Serata cabaret”, “La sagra troiana”, “Il sogno shekespeariano”, “Garden Cabaret”, “A famigghia difittusa”, “Rent – Adesso o mai più”, e “La Violenza”, la straordinaria opera del compianto Pippo Fava. Per la tv ha presentato i programmi: “Fox Time” e “Boom Boom Village”. Con “Il destino di un amore” ha vinto il 3° premio all’“Azzurro Film Festival”. In fine, recentemente le è stato assegnato il premio “Giulietta Masina” dell’edizione 2018 del “Belluno Film Festival”.

   Erano presenti al momento delle selezioni, oltre la regista Annarita Campo e Rosemary Calderone, il fotografo Pino Cordaro ed il direttore di produzione Antonio Calvo.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31