Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

CASTELLO DI ALCARA LI FUSI

- Denise Vrenna -

 

Il Castello di Alcara Li Fusi sorge in via Castello, centro urbano di un quartiere di origine medievale conosciuto come quartiere “Motta”.

La tradizione, narrata da Plinio e Dionigi di Alicarnasso, ci tramanda dell’esistenza di Turiano (dal nome di Turio, la sua città natale) tra i seguaci di Enea che, sbarcando nel territorio compreso tra Acquedolci e Sant’Agata di Militello, si diresse verso l’entroterra, ove fondò il Borgo Turiano,  successivamente denominato “Alcara” dai Normanni.

 

Il termine gode di svariate interpretazioni, concretamente riconducibili ai significati di “fortezza” o “castello”.

Questo, infatti, viene già documentato in un diploma greco del 1095.

Denominato anche “Castel Tauro”, è di attuale proprietà comunale.

 

Del complesso di impianto rettangolare, con accessi sui lati più lunghi, è rimasto come unico elemento superstite la torre a pianta quadrata, posta su un rialzo roccioso.

 

I materiali impiegati, di probabile derivazione locale, erano molto semplici: blocchi e ciottoli, di forma irregolare, legati con malta.

Il Castello, vittima del dannoso terremoto del 6 ottobre 1490 (responsabile del crollo dell’aquila decorativa in pietra, sovrastante l’entrata) e del più recente sisma del 1968, è stato oggetto di restauri apportati dalla Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Messina tra il 1980 ed il 1983.

 

E’ grazie a questi interventi che, ad eccezione dell’originaria torre, prende attualmente forma la struttura fortificata.

Ultima modifica il Sabato, 08 Ottobre 2016 19:43
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31