Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

IL CASTELLO DI FORZA D’AGRO’

 

- Denise Vrenna - 

 

La costruzione del Castello di Forza d’Agrò viene attribuita al Gran Conte Ruggero, nell’arco di tempo compreso tra l’XI ed il XII secolo.

Situato a 420 metri di altezza dal mare, il sito interessato risulta il più elevato dell’intero territorio, sfruttato a fini difensivi e di controllo.

Le fonti citano la fortezza nel XVI secolo, quando Giulio Antonio Filoteo degli Omodei scrive di un “antico castello rovinato e disfatto dal tempo”.

Non a caso, nel 1595 viene registrato un rinnovamento interno, attribuito ai giurati ed ai deputati di Forza d’Agrò, testimoniato anche da una frase trascritta sull’architrave.

Successivamente, nel 1676, la fedeltà alla Spagna durante la rivolta antispagnola messinese, determinò la conquista e l’assedio da parte dei francesi.

A distanza di circa due secoli il castello venne occupato dagli inglesi e nel 1876 fu trasformato in cimitero comunale, mantenendo la medesima funzione per i successivi cento anni da quella data.

La struttura interna, di forma irregolare, è delimitata da alte cinta murarie, al cui interno si ergono i resti dei magazzini, della Chiesa del Crocifisso con la sua torre campanaria e degli alloggi militari, insieme ad alcuni pozzi utili per l’approvvigionamento idrico.

L’accesso al castello era dotato di una lunga scalinata e di un caratteristico portone in pietra bianca, mentre la tradizione narra dell’esistenza di un passaggio segreto.

Attualmente dell’antico splendore non rimane altro che un insieme di ruderi.

Ultima modifica il Domenica, 09 Ottobre 2016 07:49
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31