Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Mili San Pietro

di Michele Cappotto

Altitudine: m.199  s.l.m.)

Etimologia:  Il significato del toponimo potrebbe ricollegarsi al termine greco-bizantino “mèlon” o “mìlon”, che significa "ovino", ricollegabile a "luogo di pascolo". La specifica di "San Pietro" si riferisce al patrono del paese, San Pietro apostolo. Il centro è conosciuto anche come Mili Superiore.

Abitanti: miloti (769 unità nel 2001)

Territorio e risorse: Mili San Pietro è una frazione collinare a sud della città facente parte della I Circoscrizione.
E’ situata al centro di una vallata dei monti peloritani attraversata dal torrente Mili. Il territorio circostante è coltivato prevalentemente ad agrumeti, oliveti e vigneti con buona produzione di olio e vino. Nella sua parte più montana (fino a circa 1070 metri di altitudine) sono diffuse ampie pinete e castagneti.

Come arrivare:  Il villaggio dista circa 10 km dal centro di Messina. Per raggiungerlo si deve percorrere la S.S. 114 (ME – CT) fino al bivio con la S.P. 38  imboccata la quale, dopo aver attraversato il borgo di Mili S. Marco, si giunge al paese.  A breve distanza dall’incrocio con la provinciale si trova anche lo svincolo della tangenziale “Messina Sud – Tremestieri”, che consente di utilizzare altresì  l’autostrada A20 (Messina-Palermo) o la  A18 (Messina-Catania-Siracusa-Gela). Il trasporto pubblico è assicurato dall'Azienda Trasporti di Messina (ATM), con l’autobus n. 08 avente capolinea in Piazza Cavallotti.
Partenze:
CAVALLOTTI                   4.00 5.15 6.10 7.05   7.50                    
PROVINCIALE                  4.50 5.45 6.20 7.20   8.05                    
Z.I.R.                                  8.35 9.35 10.15 11.05 12.35 14.05 15.35 17.05 18.35 20.35
MILI S.PIETRO                  5.15 6.05 6.45 7.50   8.40 9.15 10.15 10.55 11.45 13.15 14.45 16.15 17.45 19.15 21.10

MILI S.PIETRO                  5.20 6.10 6.50 7.55   8.45 9.20 10.20 11.00 11.50 13.20 14.50 16.20 17.50 19.20 21.15
Z.I.R.                                  8.30   9.25 9.55 10.55 11.40 12.25 13.55 15.25 16.55 18.25 19.55  
VIA LA FARINA (ATM)   5.50 6.40 7.25                                                                                                          21.50
STAZIONE CENTRALE   6.00 6.55 7.40                                                                                                          22.00

PERCORSO: Cavallotti-Via S.Maria Alemanna-Via I Settembre-Via Cesare Battisti-Via Catania-Provinciale-Via C.Valeria Minissale S.S.114    bivio Mili - Mili S.Marco - Mili S. Pietro
RITORNO: Giunti a Minissale proseguire per Via Bonino - Via La Farina - Stazione C.le (fuori servizio Cavallotti) Via Bonino - Via La Farina - Stazione C.le (fuori servizio Cavallotti)                             

Prefissi: c.a.p. 98133 tel. 090

Numeri utili:  Bar – Tabacchi Micali tel. 090 – 881602
                        Ufficio Postale c/o Mili S. Marco  via S. Marco 12  tel. 090 – 881859
                        Farmacia c/o Mili marina  Caminiti Garufi via Nazionale tel 090 - 881792

Cenni storici Le origini del villaggio si fanno risalire all'epoca bizantina (sec. VI-VIII), quando intorno all'abbazia basiliana di Santa Maria cominciarono a sorgere i primi nuclei di case da parte dei contadini che lavoravano le estese terre di pertinenza dell'abbazia stessa. Dopo l’occupazione araba, durante la quale la struttura aveva subito una forte decadenza, il normanno Conte Ruggero nel 1092 fece riedificare la chiesa e l'annesso convento entro il quale vi fu tumulato suo figlio illegittimo di nome Giordano. Nei primi anni del Quattrocento, con l’ulteriore ristrutturazione ed ampliamento dell’abbazia,  si crearono le condizioni per un incremento più massiccio di abitanti ed un ulteriore sviluppo dell’abitato.

Da visitare: L’ Abbazia di Santa Maria di Mili, edificata nel 1092, sorge a valle dell’abitato. Presenta ancora oggi i tipici tratti dello stile arabo-normanno. La facciata ristrutturata nel XVI secolo è in stile barocco con due pinnacoli ai lati. Al centro un pregevole portale marmoreo sovrastato da un medaglione incassato con bassorilievo, raffigurante la Madonna col Bambino. L'architrave del portale è sorretta da due stipiti che terminano con mensole a doppia voluta. Ornano il complesso facciale due lesene con capitelli ed un mascherone centrale. L’interno, ad unica navata, è abbastanza spoglio ma presenta un soffitto ligneo a travature apparenti. Sulla navata si aprono le tre arcate acute, la cui centrale forma l’arco trionfale che delimita il breve presbiterio. Sul pavimento è presente un passaggio attraverso la quale si accede ad una cripta sotterranea composta da due piccole stanze nelle cui pareti sono ricavate dodici piccole nicchie, con sottostanti colatoi, entro le quali venivano lasciati i cadaveri dei monaci ad essiccare per la successiva mummificazione. Il monastero, che sorge accanto alla chiesa, ha subito vari interventi nell’Ottocento, dopo che furono cacciati i monaci: di tali periodo sono infatti le eleganti finestre incorniciate a mattoni ed una panoramica terrazza prospicente il lato del torrente. Due sono i cortili interni alla struttura separati da un arco.
La Chiesa di San Pietro Apostolo, ricostruita nel 1954 sul luogo e sul modello della più antica chiesa parrocchiale, demolita nel 1937. Dallo stile semplice e lineare è a una navata con abside centrale. Sulle pareti si aprono varie nicchie mensolate con statue di Santi. Di pregio custodite sono un dipinto su tavola raffigurante San Giorgio proveniente dall'omonima chiesetta rurale, risalente al XVI secolo; un'altra tavola, del 1638, del pittore Francesco Laganà, raffigurante la Madonna del Rosario tra angeli ed oranti, proveniente dalla chiesa dell'ex Abbazia basiliana; una tela, risalente al 1801 ed opera di Vincenzo Le Donne, raffigurante la Madonna tra i Santi Pietro e Paolo ed una statuetta in pietra raffigurante la Madonna col Bambino, del XVI secolo.
Il Santuario di San Sostene Martire, sorge in collina a circa 400 m s.l.m., in una posizione che domina il paese e la vallata del Mili. In esso si custodisce la statua marmorea del Santo Martire di Calcedonia, compatrono del paese, risalente al 1634 e opera di monaco basiliano di nome Luca.

Patrono: San Pietro Apostolo e San Sostene di Calcedonia (feste che ricorrono rispettivamente il 29 giugno e la prima domenica di settembre)
Tradizioni da non perdere:  Le principali manifestazioni religiose che si tengono a Mili San Pietro sono incentrate:  nel periodo natalizio, con novena e processione notturna accompagnata dal suono della “ciaramedda” e la organizzazione della manifestazione denominata "Il Presepe Miloto"; e durante la Settimana Santa, con l’allestimento dell'altare del "Sepolcro" nella chiesa parrocchiale (il Giovedì Santo) e la processione delle "Varette" (il Venerdì Santo). Molta partecipazione e devozione riscontrano poi la Festa di San Pietro Apostolo il 29 giugno, con solenne processione della statua del Santo Patrono per le vie del paese e la Prima domenica di settembre, con la festa di San Sostene martire, compatrono.

Ultima modifica il Sabato, 08 Ottobre 2016 20:18
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31