Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

IL SACRO CUORE DI GESÙ IN MONFORTE MARINA: UNA PROCESSIONE CHE SCRIVE LA STORIA DI UN POPOLO!

- di Valentina Gangemi -

La storia, con il suo antico profumo di familiarità, è madre di ogni tradizione, di ogni secolare uso e costume che appartiene ad una terra, ad un popolo.

È la storia a spingere gli uomini a percorrere quelle vie che i padri prima di loro hanno solcato, al fine di far vivere perpetuamente ogni piccola ricorrenza, tutte quelle estasianti manifestazioni folkloristiche e non, che, messe insieme, costituiscono un prezioso bagaglio fatto di emozioni, fede e soprattutto amore per la propria terra. Ma, come nascono le tradizioni? Sono solo figlie di un passato remoto o possono anche salpare da porti ben più recenti? Beh, la storia deve pur avere un inizio, un incipit dal quale solo col tempo potranno essere partorite quelle usanze che legano indissolubilmente ogni popolo alla propria terra. Ed è su questa lunghezza d’onda che si muove una festa, una tradizionale festa paesana di recenti natali, che è già carica di quello spirito capace di ideare storie che saranno scritte indelebilmente nella memoria di chi ha la voglia di identificarsi e specchiarsi dentro ogni tradizione che fa battere il cuore della sua terra: sulle note di questa sinfonia di fede Monforte Marina scrive la sua storia!

Una storia relativamente recente se solo si pensa al fatto che la Chiesa di Monforte Marina fu stata aperta al culto “solo” nel 1936 e peraltro la processione del Sacro Cuore di Gesù ebbe luogo fino al 1972, dopo tale data infatti questa tradizione si spense per ben 24 anni. Dovrà arrivare il 1996 perché i Monfortesi abbiano nuovamente la loro processione, il loro culto per il Sacro Cuore di Gesù, la loro storia da riscrivere. Mons. Mento infatti, in occasione del suo 500 anniversario di sacerdozio, decise di fare un regalo alla propria comunità, consapevole che, al di là del valore oggettivo, quel dono avrebbe solcato le coscienze del suo gregge, dando così la giusta ispirazione per scrivere un capitolo nuovo! Venne così restaurata la statua in cartapesta del Sacro Cuore di Gesù ed insieme ad essa anche la fede e la voglia di costruire qualcosa di positivo: basti pensare alla ricostituzione dell’Apostolato della preghiera, fortemente voluto dall’attuale parroco, Don Francesco Cucinotta.

Così, tra le parole di questa storia recente, ma ricca di sfumature, ogni ultima domenica di luglio, Monforte Marina si prepara a vivere la propria festa, il proprio angolo di fede; una piccola comunità, fatta di poche persone, ma di cuori così grandi da mettere tutto l’amore del mondo per cercare di costruire una propria identità, un proprio passato. È come se, il Sacro Cuore di Gesù, riuscisse a far sentire più vivo quello spirito di comunità che si respira forte tra la gente che trepidamente attende l’uscita della vara. In questo senso non importa più se una comunità è composta da molta o da poca gente, perché l’unica cosa che davvero conta è la grandezza dell’animo di questo popolo: e Monforte Marina è grande! Eppure, tra la semplicità assoluta di questa processione, c’è un qualcosa che la contraddistingue: un incontro che ripercorre i fili del proprio passato, al fine di rendere omaggio a quell’antico legame che vedeva le parrocchie di Scala e San Pier Marina unite sotto il tetto della Chiesa del Sacro Cuore di Gesù. Così i fedeli provenienti dalle due parrocchie partecipano attivamente a questa processione, spinti da quello spirito comunitario squisitamente Cristiano. Perché alla fine cos’è un Cristiano senza spirito di aggregazione? Non è forse il fare comunità, il sentirsi figli di una stessa matrice, il fine ultimo, la più grande aspirazione di ogni devoto? Sulla base di questo principio, nel piccolo centro di Monforte Marina, ogni tradizione folkloristica diventa superflua, perché la vera manifestazione di fede è questa: la comunione fra tre parrocchie che per un giorno ritrovano la loro vecchia unione e suonano un solo battito in quel petto commosso che guarda il proprio protettore, il Sacro Cuore di Gesù mentre Lui dal canto suo, venendo fuori da quella Chiesa un tempo comune, osserva il suo popolo, il suo gregge unito sempre, più che mai.

Valentina Gangemi

Ultima modifica il Domenica, 01 Gennaio 2017 16:21
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Giugno 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30