Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
rfodale

rfodale

 Nato a messina nel 2006 ,si presenta con la sua prima opera dal titolo"BARCHE AL TRAMONTO".

Riceve in premio una chitarra omaggiata da Sanfilippo Strumenti
Musicali di Messina

DSC 0184  DSC 0186
DSC 0187  DSC 0192

 

 

 

 

 aven1

-La Redazione-

Barcellona  Pozzo di Gotto, ancora una volta, si impone nei processi culturali storico patriottici dell’intera isola, grazie all’attenzione rivolta dal suo Delegato dell’ANF -Associazione Nazionale  d’Arma ( Ric.dal Ministero della Difesa) del Fante Conte Angelo Molino della Torre, che ha inteso realizzare l’antico “Cenacolo nel Ricordo del Risorgimento Italiano”. E’ un momento atteso anche da parte dell’Associazione Nazionale Carabinieri del luogo, presieduto dal Maresciallo A. Calabrese oltre a studiosi e cultori dei momenti storici  diversi volti all’Unità  d’Italia. L’iniziativa, che avrà luogo giorno 25 Ottobre,  permetterà la riflessione sul Risorgimento Italiano anche con aree liriche che vedranno interpreti il Soprano Angela Romeo ed il Tenore Federico Parisi. La Sede della Delegazione dell’ANF  che è ubicata a Pozzo di Gotto in via Risorgimento, tra altre vie con toponomastiche di richiamo storico patriottico, che per i profondi significati che hanno  e per il richiamo turistico si è certi vengono considerati da valorizzare sempre  più dalla locale amministrazione. Corre infatti giusta voce della creazione di aiuole che saranno poste nella piazzetta antistante il sito  istituzionale dell’  ” Associazione  Nazionale del Fante”. Conoscendo la sensibilità ai valori culturali degli amministratori di questo antico e brillante comune, noi ci crediamo. “Il Cenacolo” che era espressione viva dei salotti letterari, con i suoi momenti di rilevante  aggregazione  socio culturale e di formazione della coscienza nazionale, vedeva la partecipazione di poeti, artisti, musicisti, diplomatici, uomini di scienza e tra questi: Massimo D’Azeglio, Giuseppe Verdi,  Alessandro Manzoni, Giacomo Leopardi, e la Patriota Cristina Belgioso Trivulzio scrittrice, moglie del Principe Emilio di Borbiano di Belgioioso d’Este. E’ prevista la presenza del Sindaco della città di Barcellona Pozzo di Gotto Dott.ssa Maria Teresa Collica e di altre autorità A presentare l’importante incontro sarà il Prof Alberto Genovese,  che “ci dicono” è stato anche conduttore e presentatore del Premio Internazionale Elio Vittorini, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina. Ospite d’onore sarà il Prof Domenico Venuti Commissario dell’ANF, nella qualità di Prorettore dell’Università della Pace della Svizzera Italiana di Lugano fondatore e Presidente del Premio Internazionale Elio Vittorini, manifestazione che ha ricevuto la Medaglia del Capo dello Stato .    

 DSC 0256si1

Si è conclusa al Salone delle Bandiere del Comune di Messina la VIII edizione di Arteincentro 2014, evento finalizzato alla promozione e valorizzazione dell’Arte Contemporanea, organizzato anche quest’anno dall’Associazione Culturale “Messinaweb.eu” con il patrocinio del Comune di Messina e la partecipazione dell’Associazione Nazionale Carabinieri sez. di Messina presieduta dal Luogotenente Armando Pesco. Intenso il programma della manifestazione presentata dall’avv. Silvana Paratore che in apertura, richiamando la citazione di Simonide poeta greco “la pittura è una poesia muta e la poesia, una pittura parlante”, si è soffermata sul rapporto tra poesia e arti visive: dalla contaminazione tra le due forme espressive all’ accostamento tra manifestazioni artistiche espressioni entrambe di creatività e sulla forza evocativa che possiede la poesia capace di entrare nella sfera dei sentimenti e delle emozioni di chi la legge.

Dopo i saluti di Rosario Fodale Presidente dell’Associazione Culturale “Messinaweb.eu” , tra gli intervenuti all’evento che hanno preso la parola: il consigliere comunale avv. Antonella Russo, il già Presidente della III circoscrizione Giovanni De Salvo, l’attore e regista Nico Zancle, l’artista Gianni Argurio, il Dirigente dell’istituto Tecnico Economico Statale A.M. Jaci di Messina dott. Rosario Abbate, lo scrittore, giornalista, critico d’arte ing. Franco Arcovito ,lo scrittore Gianni Ruta.

Delicato l’intervento del Duo violino e pianoforte, proveniente da Bruxelles, composto dal musicista violinista Gabriele Maria Mazzeo e dal pianista Denis Bergua. Da sottolineare il carattere altamente virtuosistico delle esecuzioni. Incisivo l’intervento dell’Artista Pittore Enzo Trifirò che intervistato dalla Paratore su cos’è davvero la pittura oggi ha risposto affermando che essa è una musica silenziosa che trasmette la pienezza dell’anima aggiungendo chela pittura stessa è un patrimonio genetico, qualcosa che rimane scritto nella mente e nella percezione umana.

La Giuria per la sezione poesia, presieduta dal prof. Giuseppe Rando e composta dai prof.ri Ketty Millecro, Elvira Bordonaro, Maria Grazia Genovese, Caterina Morabito ha proceduto all’ assegnazione dei premi a: Per la poesia in italiano primo premio attribuito a Verrò di Maria Teresa Manta di Aradeo (Lecce) ma dimorante a Lisbona, secondo premio a “Il pane si chiede al buio “ di Alfredo Gugliara di Villafranca Tirrena, terzo premio a A mio figliodi Palma Civello di Palermo, quarto premio a “ Vento d’Autunno” di Franca Scolari Papalia di Messina, quinto premio a “ Ricordati che sei gemma” di Luciano Esposito di Bellizzi (Salerno). Per la poesia in vernacolo assegnati il primo premio a “Ora agghiurnò” di Patrizia Sardisco di Monreale (Palermo), secondo premio a “ A Vindigna”” di Francesco Mazzitelli di Poliporo (MT), terzo premio a “Terra amara” di Valentina Gangemi di S. Pier Niceto, quarto premio a “ Eu v’addumanni scusa” di Giuseppe Gerbino di Castellammare del Golfo, quinto premio a “A picciridda ri giufà di Antonio Giordano di Palermo. Menzioni a Marisa Provenzano di Catanzaro, autrice della poesia “Un’Alba di brina” ad Amelia Valentini di Pescara autrice della poesia “Parole senza ali”.

Per la poesia in vernacolo, menzioni assegnate ad Antonio Cattino di Messina autore della poesia “Eu vaiju scutannu”, ad Angela Viola di Messina autrice della poesia “Anima e carni” ed a Giuseppe Voltaggio di Trapani autore della poesia “ Timpesta”

La Giuria, per la sezione Pittura presieduta dalla prof.ssa Pucci Prestipino Dirigente dell’Istituto d’Istruzione Superiore La Farina- Basile e composta dalla prof.ssa Daniela Pistorino, Virginia Villari, dal prof. Demetrio Scopelliti, dall’Artista Pittore Enzo Trifirò, ha assegnato il 1° premio a Christian Manganodi Messina il premio a MariaGrazia Totodi Messina, il 3° premio a Giuseppe La Fauci di Messina, il quarto premio a Sabrina Lo Piano di Messina, il quinto premio a Giuseppe Nicosia di Messina.

Menzioni agli artisti Melina Tricoli di Sant’Agata di Militello, a Caterina Vasi di Milano ed a Maria Ferrara di Roma.                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Tra gli altri partecipanti (per la sezione poesia): Adalgisa Santucci (Latina),Tania Santurbano (Montesilvano-PE),Marisa Provenzano (Catanzaro), Amelia Valentini (Pescara ), Antonino Pedone (Castellammare del Golfo (TP), Annamaria Romito ( Reggio Emila) , Antonio Giordano (Palemo) , Palma Civello (Palermo), Armando Bettozzi (Roma), Margherita Calì (Catania), Giuseppe Vultaggio (Trapani), Gabriele Prignano (Roma), Francesco Mazzitelli (Policoro -MT), Andrea Borci di (Sava-TA), Giorgio Guarnaccia (Siracusa), Escluso Mortimer (Caserta), Angela Cantore (Potenza), Rita Lo Monaco (Siracusa), Giuseppe Gerbino (Castell. del Golfo-TP), Mattia Badalucco Cavasino (Trapani), Teresa Riccobono (Palermo), Luciana Esposito(Bellizzi-SA), Vanda Pirone (Eboli-SA), Pietro Cosentino (Palermo), Patrizia Sardisco (Monreale -PA), Maria Teresa Manta (Aradeo -LE), Silvana Errante ( Semproniano-GR), Marina Pace e Salvatore Babuscia (Gioia Tauro-RC) . Nutrita, inoltre, la partecipazione di poeti messinesi: Antonio Cattino, Antonino Algeri, Pasquale Costa, Angela Viola, Teresa Fierro Vadalà, Lillo Busà, Rossella Arena, Rosanna Affronte, Cristina Lania, Nicola Cavaliere, Gino Puglisi, Maria Grazia Florio, Nunzio Antonio Marotta, Agnello Fruncillo, Filippo Scarfì, Maria Romanetti, Domenico Cannata, Luca Filippo Ammendolea, Franca Scolari Papalia, Tina Andaloro Giordano, Luigi Antonio Pilo, Nunzio Di Bella, Angelo Copia, Mek Zodda, Anna Balsamo, Cinzia Accordino, Domenico Sergi e Alfredo Gugliara (Villafranca Tirrena), Francesca Di Natale (Torregrotta), Maria Morganti Privitera (Barcellona Pozzo di Gotto), Giovanni Sanò, Valentina Gangemi (San Pier Niceto)e (per la sezione pittura): Caterina Vasi di Milano, Eleonora Cipolla San Marco Argentano(Cs),Maria Ferrara di Roma, Concetta Carleo di Salerno, Innocenza Alessi di Catania, Melina Tricoli di S.Agata Militello, Nanni Zangla di RoccadiCapriLeone, Maike Abbate di Castellana Sicula (PA), Giacomo Giacomarra di Castellana Sicula, Giacomo D'andrea, Angela Alibrandi ,Christiano Mangano, Filippo Scarfì , Assunta Grasso, Angela Viola, Paolo Lucio SCARFI', Alessia Oliveri , Giuseppe La Fauci , Alfredo Gugliara di Villafranca T., Angelo Copia, Mek Zodda, Concetta Lucà, Maria Lidia Simone, Francesca Maio di Milazzo (ME), Tanino Bruscetta, Sabrina Lo Piano, Mariagrazia Toto di Milazzo, Mariateresa Pullano, Bucceri Maria Atanasia di Milazzo, Nicosia Giuseppe di Messina

A tutti i partecipanti è stato consegnato un attestato di partecipazione. Hanno dato il loro contributo all’evento: Gisella Camelia, Daniela Paratore, il grafico Lucio Crupi dell’ANC e Pres. dell’Ass. culturale Amici della Gente. Soddisfatto il presidente Rosario Fodale particolarmente impegnato da anni in un volontariato volto alla valorizzazione, riscoperta, promozione del patrimonio artistico, letterario, culturale della ns. città.

logomessinaweb

L’Associazione Culturale MessinaWeb.eu è lieta di comunicare i vincitori dell’Ottava Edizione del Premio Internazionale “Arteincentro 2014” finalizzato alla promozione e valorizzazione dell’Arte Contemporanea.

La giuria deputata a selezionare in maniera meritocratica, le opere pittoriche pervenute, è stata presieduta dalla prof.ssa Pucci Prestipino Dirigente Scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore La Farina - Basile

Laureata in Lettere classiche e Pedagogia, ha iniziato la sua carriera di docente nella scuola primaria, proseguendo nella secondaria di 1° e 2° grado. Dirigente scolastico dal 1987, oggi è Dirigente scolastico dell'Istituto di Istruzione Superiore “La Farina – Basile”. E' autrice di articoli e ricerche in campo scolastico, psicologico e didattico. Ha diretto corsi di formazione e di aggiornamento per i docenti della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di 1° e 2° grado. Ha collaborato con Reggio Children ed è stata componente di un comitato tecnico scientifico dal 1996 sino al 2001 presso il Ministero della P.I.

  • - dalla prof.ssa Daniela Pistorino docente di Storia dell’Arte presso il Liceo Ginnasio Maurolico;
  • - dalla prof.ssa Virginia Villari pittrice figurativa con all’attivo diverse mostre;
  • - dall’Artista Pittore Enzo Trifirò;
  • - dal Prof. Demetrio Scopelliti docente dell’Istituto di Istruzione Superiore La Farina – Basile;
  •  

Premio - artista classificato:

CHRISTIAN MANGANO di Messina - opera nr. 3

Con la seguente motivazione: quest’opera, intrisa di citazioni, come per le opere antiche si può leggere a diversi livelli. La scacchiera con richiami esoterici e, più colti nel tema, a Sofonisba Anguissola, Daumier e più ancora, non solo nel tema, a De Chirico e , sottilmente, a Max Ernst. I temi della follia, del femminile e della solitudine rielaborati in chiave personale e freschissima che stempera il Metafisico, l’Astrattismo ed il Surrealismo in una grafia contemporanea, di un nitore colloquiale e giovanile.    

Premio - artista classificato:

MARIA GRAZIA TOTO di Milazzo (ME) - opera n° 30

Con la seguente motivazione: pittura calligrafica, grandemente evocativa, sia per la scelta del monocromo che immerge la figura in un’atmosfera nitida, ma ambigua, di acqua o di aria, sia per la centralità della luce e della figura, sola. Memorie di simboli pittorici antichi, sacri e allegorici. Si ammanta di suggestioni luministiche intime e spirituali.

Premio - artista classificato:

GIUSEPPE LA FAUCI di Messina - opera n° 15

Con la seguente motivazione: La composizione materica ed intellettuale al tempo stesso, rinnova felicemente sperimentazioni informali novecentesche con echi lontani di Picasso, Matisse e Mirò. E’ una sintesi immediata, anche sul piano formale, tra elementi grafici e pittorici che non tralasciano l’elemento onirico introdotto dall’oculo-sole che guarda ad un mondo illusorio di forme allusive.

Premio - artista classificato:

  • SABRINA LO PIANO di Messina che è altresì uno scultore di eccellenza , opera n°29

Con la seguente motivazione: l’opera, ricca di echi pittorici anche nostrani (Eligio Egitto), e di citazioni colte, soprattutto del medio novecento, si presenta, naturalmente, come una finestra sull’anima, attraverso uno scorcio quotidiano, nella naturalezza dell’abbandono delle barche, nello sfondo deserto e nel mare ma soprattutto attraverso il colore vissuto in maniera totalizzante, come esperienza emotiva, come dimensione onirica e misteriosa.

Premio - artista classificato:

  • GIUSEPPE NICOSIA di Messina - opera nr. 35                                                                                                                          

Con la seguente motivazione:   composizione di matrice fotografica e realista, ricorda indubitabilmente Jeff Wall nel giornale- volantino che spiega dettagliato i contenuti razionali. Esprime fortissima contemporaneità stabilendo un rapporto tra arte e pubblico facendo ricorso non solo a strumenti politici e intellettuali, ma anche estetici.

MENZIONI

  1. MELINA TRICOLI di S .Agata di Militello (ME) - opera pittorica "nr. 11;
  2. CATERINA VASI di Milano - opera pittorica nr. 17
  3. MARIA FERRARA di Roma – opera pittorica nr.9.

logomessinaweb

L’Associazione Culturale MessinaWeb.eu è lieta di comunicare i vincitori dell’Ottava Edizione del Premio Internazionale “Arteincentro 2014” finalizzato alla promozione e valorizzazione dell’Arte Contemporanea.

La giuria deputata a selezionare in maniera meritocratica, le poesie pervenute, è stata presieduta dal prof. Giuseppe Rando.

“Professore ordinario di Letteratura Italiana presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina. Il prof. Rando è altresì membro del Comitato Nazionale per l’Edizione Nazionale dell’Opera Omnia di Federico De Roberto nonché componente del Comitato Scientifico della Fondazione Corrado Alvaro. Ha pubblicato saggi e volumi su autori maggiori e minori della letteratura italiana e segnatamente su Parini, Alfieri, Verga, Pirandello, Pascoli, Alvaro. Studioso di letteratura meridionale, interessato ai rapporti tra giornalismo e letteratura, ha anche contribuito, con una Introduzione e con un’ampia Prefazione, alla ristampa in volume dei Colloqui di Salvatore Quasimodo e de Il falso e il vero verde dello stesso Quasimodo”

-         dalla prof.ssa KETTY MILLECRO: insegnante di Lettere presso l’Istituto tecnico economico statale A.M. Jaci di Messina, poetessa e interprete di poesie in vernacolo ed in italiano;

-          dalla prof.ssa Elvira Bordonaro insegnante all’Accademia di Belle Arti Mediterranea di Messina e poetessa;

-          dal Maestro Mariagrazia Genovese, pianista classica, compositrice e poetessa;

-          dalla Dott.ssa Caterina Morabito, poetessa e Cavaliere della Repubblica.

Premio - artista classificato:

-          PATRIZIA SARDISCO di Monreale (PA), - poesia nr. 19, “ ORA AGGHIURNO’ “

  • con la seguente motivazione:Originalissima espressione della potenza inarrestabile – come il fuoco lavico dell’Etna – di un amore travolgente, tuttavia pienamente goduto. Il nesso tra reale e immaginario è garantito da petrose metafore, marcate da una forte visività e da un cromatismo accecante”

Premio - artista classificato:

-          FRANCESCO MAZZITELI  di Policoro (MT) – poesia nr. 8 “ A VINDIGNA”

  • con la seguente motivazione: Recupero, sull’onda dell’elegia (libera da gravami metrici) dei riti della vendemmia, dei suoi colori-voci-sapori. Il tono quasi neo-crepuscolare si accende in fulminee visioni di espressionistica evidenza, mentre il tutto precipita nella sospensione temporale dell’idillio agreste, oramai perduto.

Premio - artista classificato:

-          VALENTINA GANGEMI di San Pier Niceto (Me) poesia nr. 10 “TERRA AMARA”

  •  con la seguente motivazione: Poemetto di ampio respiro, in cui ai moduli pittoreschi dell’idillio campagnolo si contrappone, per improvvisa folgorazione, la realtà più amara e straziante: orrore       di  un delitto di mafia, perpetrato contro un’inerme, giovane figlia. E la scrittura a stento trattiene lo strazio e lo sgomento della madre, metafora di un incancellabile senso di colpa.  

Premio - artista classificato:

GIUSEPPE GERBINO  di Castellammare del Golfo (TP) - poesia nr. 11 "Eu V'addumannu scusa"

con la seguente motivazione: “ Ammirevole prova di identificazione-immedesimazione nella psicologia dell’emigrante, che monologando, quasi a ruota libera, produce, in realtà, emozioni, soprassalti emotivi e sensi di colpa nel lettore. Va, per tale via, perfettamente, a segno la petizione d’amore e di solidarietà cristiana, che muove, senza ombra di retorica, l’autore.

Premio - artista classificato:

ANTONIO GIORDANO di Palermo - poesia nr. 5 “A Picciridda ri Giufà”

con la seguente motivazione: Poemetto di colorite quartine cui la rima baciata conferisce un perfetto andamento di tarantella. Il personaggio immortale di Giufà sferza, da un lato, realisticamente, la pratica disumana di abbandonare i picciriddi non graditi e dall’altro, muovendo tra il visionario e il fantastico, preconizza la rinascita – con un nuovo battesimo – della Sicilia

MENZIONI

  1. ANTONIO CATTINO di Messina, autore della poesia nr.1 “E' vaiju scutannu”
  2. ANGELA VIOLA di Messina, autrice della poesia nr. 7 “Anima e carni”
  3. GIUSEPPE VULTAGGIO di Trapani autore della poesia nr. 6 “Timpesta”

logomessinawebL’Associazione Culturale MessinaWeb.eu è lieta di comunicare i vincitori dell’Ottava Edizione del Premio Internazionale “Arteincentro 2014” finalizzato alla promozione e valorizzazione dell’Arte Contemporanea.   

La giuria deputata a selezionare in maniera meritocratica, le poesie pervenute, è stata presieduta dal prof. Giuseppe Rando.

“Professore ordinario di Letteratura Italiana presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina. Il prof. Rando è altresì membro del Comitato Nazionale per l’Edizione Nazionale dell’Opera Omnia di Federico De Roberto nonché componente del Comitato Scientifico della Fondazione Corrado Alvaro. Ha pubblicato saggi e volumi su autori maggiori e minori della letteratura italiana e segnatamente su Parini, Alfieri, Verga, Pirandello, Pascoli, Alvaro. Studioso di letteratura meridionale, interessato ai rapporti tra giornalismo e letteratura, ha anche contribuito, con una Introduzione e con un’ampia Prefazione, alla ristampa in volume dei Colloqui di Salvatore Quasimodo e de Il falso e il vero verde dello stesso Quasimodo”

-          dalla prof.ssa KETTY MILLECRO: insegnante di Lettere presso l’Istituto tecnico economico statale A.M. Jaci di Messina, poetessa e interprete di poesie in vernacolo ed in italiano;

-          dalla prof.ssa Elvira Bordonaro insegnante all’Accademia di Belle Arti Mediterranea di Messina e poetessa;

-          dal Maestro Mariagrazia Genovese, pianista classica, compositrice e poetessa:

-          dalla Dott.ssa Caterina Morabito, poetessa e Cavaliere della Repubblica.

Premio - artista classificato:

  • MARIA TERESA MANTA di Aradeo (Lecce) dimorante a Lisbona – poesia nr. 39 “Verrò”
      •               Con la seguente motivazione: Accorata espressione d’amore materno, animata da una nitida volontà di chiarezza (del dire) che escluda decisamente ogni forma di oscuriamo soggettivo: metafore inusuali , in una col ritmo fremente ma controllato, imprimono ai versi l’andamento di una preghiera.

Premio - artista classificato:

ALFREDO GUGLIARA di Villafranca Tirrena (ME) – poesia nr.2 IL PANE SI CHIEDE AL BUIO”

con la seguente motivazione: Denuncia, senza eccedenze emotive, di una condizione femminile che, in epoca post femminista, si vorrebbe oramai superata (ma evidentemente non lo è). La scrittura trova un originale equilibrio fra il registro epico (della rievocazione e della denuncia) e un più sommesso registro meditativo.

Premio - artista classificato:

PALMA CIVELLO di Palermo – poesia “ A MIO FIGLIO”

con la seguente motivazione: “Dichiarazione quasi sillabata dell’amore di una madre per il figlio lontano, che si affida a freschi cromatismi ed a vaghe immagini del vissuto quotidiano per distanziare il testo dalle nebbie del patetico.

Premio - artista classificato:

FRANCA SCOLARI PAPALIA  di Messina – poesia ” nr. 32 VENTO D’AUTUNNO”

con la seguente motivazione: “Poemetto di ampio respiro . Testo melodioso, avvolgente dentro il giro lungo della frase poetica. L’abbandono quasi totale della rima evidenzia peraltro una lucida libertà formale, che rinvia a spazi personali da conquistare”

Premio - artista classificato:

LUCIANA ESPOSITO di Bellizzi (Salerno) – poesia nr.31 Ricordati che sei gemma

con la seguente motivazione:Commosso recupero memoriale di un tenace amore filiale, intessuto di ariose metafore campestri: il tema eterno del rapporto privilegiato padre-figlia si precisa e si arricchisce concedendo, nel canto, spazio esplicito alla vita vissuta ed ai fatti, anche minimi che la costituiscono.

 

MENZIONI

  1. -   MARISA PROVENZANO di Catanzaro, autrice della poesia nr. 8 “ Un’alba di brina”
  2. -  AMELIA VALENTINI di Pescara. autrice della poesia nr. 10 “Parole senza ali”.

Carmelo Duro1

 

- di Pietro Paolo Poidimani -

In un pomeriggio romano abbastanza caldo, ero di ritorno verso Milano con amici di Genzano e Ariccia. Il Raccordo Anulare della Capitale come al solito intenso per il traffico, iniziava ad essere più percorribile, dopo il blocco di quasi un'ora a causa dell'incidente stradale che è costato la vita al campione automobilistico di Formula Uno Andrea De Cesaris. E' stato indimenticato personaggio sportivo il pilota romano per un decennio negli anni '80 protagonista nei circuiti di tutto il Mondo con Alfa Romeo, Mc Laren, Tyrrel,Sauber,Brabham.

Il magone fu totale quando arrivati sullo svincolo per la Bufalotta luogo ove De Cesaris aveva avuto l'impatto mortale con la sua moto, si scorgeva il furgone della Polizia Mortuaria, tra ambulanze, curiosi, amici ed addetti ai lavori. Dispiaciuti di quanto accaduto proseguimmo verso il Nord, verso Orte e Firenze.

Il mio cellulare intanto segnalava i tentativi di una telefonata che non riusciva a raggiungermi. Fu verso l'uscita autostadale Chiusi-Chianciano Terme che lessi quello che mai avrei voluto leggere, quello che mai avrebbesfioratolamiamente.

Mario Triolo, amico nostro comune, dopo le telefonate non riuscite mi inviava il messaggio funesto "ti volevo comunicare che purtroppo è venuto a mancare Carmelo Duro". Il leone della Val d'Agrò, la quercia della Riviera Ionica Messinese era stato spazzato via come un fuscello dal gelido vento della morte. Nel giorno caro a San Placido il 5 ottobre, quasi "placidamente" Carmelo si era avviato per altri sentieri, quelli dell'immortalità.

Non più ricerche, non più interviste, non più convegni, non più libri da scrivere, non più libri da presentare, non più articoli da inviare alle Redazioni dei giornali, non più luoghi da visitare e rivisitare, non più convivi, non più telefonate, non più appuntamenti per programmare le mille e mille cose che gli ribollivano in mente. Non più niente! Fine.

Pochi drammatici minuti quella mattina di domenica e cessava di vivere uno dei personaggi più emblematici, più carismatici della Sicilia, il cultore e studioso di storie patrie di Sant'Alessio Siculo e di tutto il mondo Peloritano, dell'entroterra e Costa Ionica del messinese, profondo come pochi altri.

Acuto indagatore per mezzo secolo fu custode e memoria vivente di quei luoghi. Ne ha tracciato i momenti e le epoche più significative, i personaggi che ne hanno illuminato il percorso, ci ha ammaliato descrivendo il territorio, l'arte, la semiologia del paesaggio, le tradizioni civili e religiose, il folclore, la cronaca, i drammi delle emigrazioni, le storie più umili della povera gente, l'eroismo di tanti.

Ha saputo raccontarcele. Ne aveva le doti: una scrittura piacevole, un timbro di voce insuperabile. Aveva il fuoco della Grande Montagna, l'Etna, che sovrasta da sempre la sua terra natale, aveva il sale del profondo mare che gli ha tenuto compagnia per tutta la vita, aveva l'umiltà e la bontà della sua terra, dell'odore di quelle zolle sempre pronte ad essere generose con i suoi abitanti.

Ma soprattutto Carmelo Duro era un uomo libero, fuori dai compromessi, dagli steriotipi, dalle convenzioni, dagli schemi. Era un uomo limpido come il cielo che quasi sempre azzurro accoglie l'alternanza delle stagioni su quella mitologica costa. Carmelo ha lasciato nelle sue opere, nei suoi scritti l'Humus per le nuove generazioni, che vorranno se vorranno attingere ed ampliare le storie di appartenenza come comunità, come gentes che da secoli sono radicate i quei luoghi meravigliosi. Di sicuro le sue opere saranno "come lo sono" pietre miliari come lui stesso: insostituibile punto di riferimento, per cultori, storici, o semplici lettori.

Lo ricordo gioioso a Caravaggio in Lombardia ( nella città che diede i natali a Michelangelo Merisi) a Palazzo Gallavresi, ricevere da Rosa Di Bella il Premio Internazionale dei Siciliani nel Mondo, il Proserpina nel giugno del 2013. Lo ricordo appassionato nella Sala Consiliare di Palazzo Cartia sede del Municipio della Città di Rosolini in occasione del 70esimo anniversario dello sbarco degli Alleati in Sicilia, a raccontarci l'eroismo di Antonio Musumeci il parroco di Sant'Alessio Siculo trucidato dai nazisti in ritiro da Randazzo verso Messina nel 1943.

Lo ricordo estasiato ed orgoglioso mentre gustavamo l'insuperabile granita al limone di Sant'Alessio, rigorosamente offerta da Carmelo (cortesissimo padrone di casa). Lo ricordo nella Sala delle Udienze della Fortezza di Castellammare del Golfo in provincia di Trapani durante il suo intervento nell'agosto appena trascorso.

Ricordo il piacere di Carmelo ad invitare ufficialmente i presenti e farne , cassa di risonanza a loro volta per il 13esimo Incontro Internazionale degli Italiani nel Mondo che si terrà in agosto nel 2015, organizzato nei Comuni di Roccalumera, Sant'Alessio Siculo e Taormina.

Ci vorranno mesi e mesi prima di assimilare e fagocitare la non presenza di Duro. Nella sua "assenza giustificata!" io continuerò a pensarlo presente, anche se difficile a rintracciarlo...

Lo penserò salire e scendere per strade e sentieri della Val d'Agrò.

Lo penserò a Limina, a Roccalumera, a Mongiuffi, a Roccafiorita.

Lo penserò a Savoca, a Fiumedinisi, ad Antillo, a Casalvecchio, a Castelmola e Taormina. Ed ancora lo penserò a Pagliara, a Forza d'Agrò a Nizza di Sicilia e Letojanni e Gallodoro.

Lo penserò in tanti e tanti luoghi sperduti di quelle Vallat!

Di sicuro lo penserò.

Come amico caro, come amico leale, come uomo gentile, come cittadino esemplare da non dimenticare mai.

VIXIT

 

Calendario

« Agosto 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31