Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Messina: Chiesa di San Giovanni di Malta - Domani l'Ottava di San Placido con i giornalisti cattolici

Chiesa Palatina e Gerosolimitana San Giovanni di Malta - San Placido e Compagni Martiri

Compagnia di San Placido Monaco e Martire

Associazione Aura

UCSI - Unione Cattolica Stampa Italiana

Movimento Apostolico

 

Domani, Venerdì 13 Ottobre, con l’Ottava in onore di San Placido si concludono nella Chiesa di San Giovanni di Malta i festeggiamenti in onore del Martire Benedettino Compatrono di Messina. Per il terzo anno consecutivo, alle ore 18.00 si svolgerà la Santa Messa presieduta da Mons. Giacinto Tavilla con la partecipazione del Movimento Apostolico ed in particolare dei giornalisti cattolici dell’UCSI che rinnoveranno il loro omaggio all’antico protettore della stampa cattolica messinese. Infatti a fine Ottocento a Messina, sotto la guida del giornalista Francesco Mazziotta, era nata la Società San Placido che riuniva tutti i giornalisti cattolici della Città, anticipando di fatto la nascita dell'Unione Cattolica della Stampa Italiana. In questa occasione oltre a Francesco Mazziotta verrà ricordata anche la prof.ssa Paola Saladino De Joannon che fu una delle promotrici di questo evento.

Placido nacque a Roma nel 515, dalla nobile ed antica famiglia degli Anicii, da Tertullo e dalla messinese Faustina. Primo di quattro fratelli, fu introdotto in tenera età, insieme a Mauro, nel cenobio di Subiaco ove Benedetto da Norcia aveva iniziato la sua opera monastica. La tradizione vuole che Placido, ormai formato ed ordinaunto Abate, fosse inviato a Messina a fondare il primo monastero benedettino di Sicilia. In riva allo Stretto, subirà il martirio il 5 ottobre del 541 insieme alla sorella Flavia, ai fratelli Eutichio e Vittorino e a circa trenta monaci, che, insieme con lui, abitavano il monastero di San Giovanni, alla foce del torrente Boccetta. Il culto a San Placido e Compagni Martiri ebbe un suo rinnovato fervore con il ritrovamento a Messina delle loro reliquie, il 4 agosto 1588, in occasione di lavori di restauro intrapresi dall’Ordine di Malta alla Chiesa di San Giovanni di Malta, ove ancora oggi si conservano. La sentita devozione al Martire, autorizzata da apposita Bolla di Sisto V, fu costantemente sostenuta e difesa per secoli dal Sovrano Militare Ordine di Malta, dal Senato di Messina e dall’Arciconfraternita di San Placido.
Narrano gli storici del tempo che il 4 agosto 1588 nelle fondamenta di questo secolare luogo di culto furono ritrovate le insigni reliquie di San Placido, della sorella Flavia, dei fratelli Eutichio e Vittorino e di circa trenta monaci, trucidati il 5 ottobre del 541 da pirati capitani da Mamuka in odio alla Fede di Cristo. Rimosso il sarcofago marmoreo, che custodiva i resti mortali dei quattro fratelli Martiri, scaturì una fonte d’acqua che al solo contatto produsse numerosi prodigi. Nell’Archivio Segreto Vaticano si conserva un lungo e dettagliato elenco, con relative testimonianze giurate, dei numerosi miracoli operati dal Signore per intercessione di San Placido e Compagni Martiri al solo contatto con queste prodigiose acque. Si tramanda che anche lo stesso celebre pittore Michelangelo Merisi da Caravaggio nel 1608 fu testimone della resurrezione di un giovane al solo contatto dell’acqua di San Placido e che volle eternare questo miracolo nel celebre dipinto dei Crociferi, oggi al Museo Regionale. Ricostruito il nuovo tempio di San Giovani ad opera del Sovrano Militare Ordine di Malta, che qui aveva la sede del Gran Priorato di Sicilia, l’antica Arciconfraternita di San Placido creò negli ambienti ipogeici una Chiesa ove fu lasciata a vista la miracolosa sorgente e, fino al terremoto del 1908, ogni anno il 4 agosto e il 5 ottobre veniva distribuita ai fedeli quest’acqua mediante un apposita coppa argentea con al centro una statuina di San Placido, che ancora oggi si conserva nel Museo del Tesoro di San Placido. Dopo il terremoto del 1908, restaurato ciò che rimaneva dell’antico complesso monumentale di San Giovanni di Malta, a metà Novecento il Rettore del tempo e la Compagnia di San Placido, con il supporto dell’Ufficio Tecnico Comunale, fecero scavare questo pozzo che intercettò l’antica Sorgente di San Placido in modo che ancora oggi, a memoria del ritrovamento delle insigni reliquie dei Santi Martiri, è possibile usufruire di questa preziosa acqua.
È considerato santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa ed è festeggiato da entrambe il 5 ottobre.
Le sue reliquie sono conservate nella chiesa di san Giovanni di Malta – San Placido e Compagni Martiri a Messina, all’interno di un antico sacello fatto realizzare nel 1616 dal Senato della Città dopo il ritrovamento del 4 agosto 1558. Altre reliquie del santo sono custodite a Poggio Imperiale (FG), a Biancavilla, in provincia di Catania, a Castel di Lucio (ME) a Seminara (RC) e a Ceriana, in provincia di Imperia.
San Placido è patrono di Messina assieme alla Madonna della Lettera, dell’arcidiocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela, di Biancavilla (CT) e Poggio Imperiale(FG). Compatrono, di Castel di Lucio (ME) e di Montecarotto (AN). È anche il protettore dei novizi benedettini.



Mons. Angelo Oteri







Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31