Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

LA TRACOTANZA DEL POTERE DETTA LE LEGGI. Il ponte Morandi di Genova un abuso sulle case abitate.

- di Giuseppe Messina -

   “40 morti, ma altre persone sono ancora disperse, 700 sfollati sono gli abitanti delle case sotto il ponte. La tracotanza criminale dell'uomo senza argini. Il mito fasullo dell'eternità del calcestruzzo è tragico. La tracotanza di costruire il ponte su case abitate da tantissime famiglie. La tracotanza in greco antico: βϱις, (hýbris) è un tema ricorrente della tragedia greca e della letteratura greca, La Hybris è la costante di ogni potere che ha perso il senso razionale del limite in nome di Mammona, il sanguinario, insaziabile dio denaro, il profitto”.

IL PONTE MORANDI

 

   Questo è quanto ha scritto sulla sua pagina Facebook il mio amico Santi Puglisi, docente di materie letterarie, molto colto ed impegnato socialmente, ed i suoi numerosi interventi lo dimostrano ampiamente.

   Forse, senza aver sentito, dalle notizie televisive le dichiarazioni della “Direzione della Società Autostrade”, non avrei scritto questo articolo; comunque, dopo avere letto lo scritto del mio amico il forse non esiste più. Anche perché mi è tornato alla mente un episodio della metà degli anni ’80 quando un signore aveva pensato di costruirsi una casetta nel proprio terreno nei pressi dello svincolo dell’autostrada. Si badi bene: lo svincolo. Per il fatto che la distanza, unilateralmente stabilita, dal confine di pertinenza dell’autostrada in 60 metri era di pochissimo inferiore, la direzione dell’Ente, ha dichiarato guerra al pover’uomo adducendo che assolutamente la distanza doveva essere rispettata al millimetro.

   “Ma come può essere – andava dicendo il malcapitato – che l’autostrada attraversa la città passando sulle case di tante famiglie ed io non posso costruire nel mio terreno che, mi pare evidente, si trova abbastanza lontano dall’autostrada?”

   Già, com’è possibile? Naturalmente, quando è la tracotanza del potere a dettare le regole, queste non possono essere uguali per tutti.

   E dopo questa sottolineatura andiamo alle dichiarazioni della dirigenza dell’Ente Autostrade che abbiamo sentito nei vari servizi televisivi: ha dichiarato che i ponti delle autostrade sono tutti controllati continuamente e per la loro messa in sicurezza sono spesi un miliardo di euro l’anno. Così dicendo, naturalmente, questi signori si tirano fuori da ogni responsabilità per la sciagura di Genova. Dunque la loro tracotanza gli permette di pensare che i genovesi, i cittadini italiani che non hanno la loro stessa tracotanza siano tutti dementi!

   Mi dispiace, e credo dispiaccia a tantissimi, che nessun cronista o commentatore abbia avuta la prestanza di riflessi per rispondere alla “Direzione Autostrade” che, se il ponte Morandi è crollato, evidentemente non era monitorato come avrebbe dovuto essere e che il miliardo di euro non basta per tenere in sicurezza i ponti di loro competenza.

   Credo che questo nuovo governo, se vuole dimostrare di essere veramente nuovo, debba fare in modo che gli italiani capiscano che il vecchio sistema è finito e che si vuole cominciare tutto d’accapo, isolando i tracotanti che tanto hanno nociuto a questo paese. Certamente ci vorrà del tempo, ma questo gli italiani lo sanno, come sanno che la casta dei vili pronti all’imboscata è già al lavoro, dal momento che non sono disposti a rinunciare alla bassa, ricca mangiatoia alla faccia del popolo sovrano.

-

Un particolare ringraziamento all’autore o agli autori, che non conosciamo, della foto che abbiamo preso da Internet.

Ultima modifica il Giovedì, 16 Agosto 2018 16:53
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Settembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30