Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

LA VIOLENZA: PERCHE’ Una domanda e tante risposte al convegno F. I. D. A. P. A. di Bercellona Pozzo di Gotto.

di Giuseppe Messina

   La VII edizione della “Fidapa per i giovani” svoltasi il 25 u. s. nella cornice barocca dell’Auditorium San Vito di Barcellona Pozzo di Gotto, indetta proprio dalla sezione F. I. D. A. P. della stessa città, presieduta dalla Dott.ssa Ilaria Cammaroto, è stato un evento da lodare per la sua importanza sociale e per la sua magnifica organizzazione.

IMG 9551

   Una delle attività più importanti che un’Associazione socio-culturale possa fare in tempi gravi come quello che la società sta vivendo è, senza dubbio, la promozione della cultura della legalità per i giovani e tra i giovani. All’evento, in cui si è discusso del fenomeno della violenza, hanno partecipato studenti delle scuole “Capuana”, “Dalcontres” “Genovese” e “Foscolo”.accompagnati dai docenti e dai genitori.

IMG 9553

   Quasi tutti i giorni, i mezzi d’informazione ci portano a conoscenza di tanti atti violenti, se non addirittura di crudeltà, esercitati nella società da parte di arroganti spietati nei confronti di persone deboli indifesi: studenti che minacciano o picchiano gli insegnanti, per reagire ad un rimprovero o ad un cattivo voto; addirittura genitori che, anziché rimproverare i figli, usano violenza a loro volta contro i docenti, per non parlare della violenza sessuale subita da donne sole e indifese. Ma sono numerosi anche i casi di violenza che si verificano là dove si dovrebbe essere più al sicuro ovvero nell’ambito delle famiglie. Questi sono atti che fanno capire quanto ci sia bisogno di divulgare il valore dell’educazione alla legalità e soprattutto della bontà.

IMG 9547

   La presidente Cammaroto, dopo aver dato il saluto di benvenuto alla platea, presentato i relatori ed introdotto i lavori del convegno che ha avuto per tema “Violenza: perché?” ha ceduto la parole all’Assessore Ilenia Torre che ha portato il suo saluto ed anche quelli del sindaco Dott. Roberto Materia e dell’Amministrazione Comunale.

   Un convegno particolarmente interessante che fa parte di una campagna di sensibilizzazione contro ogni forma di violenza, per la riscoperta del valore della gentilezza, per costruire sani rapporti civili tra esseri umani, contro l’egoismo e la prevaricazione.

   Oltre l’Assessore, hanno portato i saluti: la vice presidente del distretto Sicilia dott.ssa Maria Ciancito e sono intervenuti il dott. Antonio Rugolo (Vice Questore – Dirigente del Commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto) e Suor Marilena Mercurio (Psicopedagogista – Figlie di Maria Ausiliatrice). Ha coordinato sapientemente la Prof.ssa Pina Freni, Referente comm. Arte e Cultura Fidapa BPW – Italy Barcellona Pozzo di Gotto.

IMG 9540

   Possiamo sottolineare che Durante la magnifica manifestazione, alla domanda imposta dal tema ovvero il perché della violenza sono state date diverse risposte da parte dei relatori, sapendo di parlare ad una platea in cui i giovani erano numerosi. Il dott. Rugolo ha, tra l’altro, portato la sua esperienza di Vice Questore raccontando diversi episodi di malessere sociale di cui è stato testimone, mentre Suor Marilena ha parlato della bellezza che ciascuno dovrebbe andare a cercare dentro di sé ed immedesimarsi nell’altro, come diceva Platone, tirando fuori il meglio di se stessi.

   Il tema affrontato ha permesso di argomentare, non soltanto di violenza sulle donne, di violenza sessuale, di soprusi e disprezzo verso il prossimo, ma anche di bullismo in cui spesso i ragazzi si lasciano andare in mancanza di sani esempi, che dovrebbero venire dalle famiglie e che a volte mancano. È stato un evento altamente culturale in cui sono stati evidenziati proprio i casi che portano al bullismo, i casi di sottovalutazione di comportamenti che spesso sfociano in episodi di grave violenza verso i più deboli e indifesi.

   Possiamo concludere osservando che la società dei giovani ha bisogno di una particolare cura culturale; è importante aiutarli a fare scoprire loro la bellezza che si portano dentro, a cui devono attingere per realizzare i propri sogni ed elevarsi al di sopra della violenza e delle miserie umane che sempre trascinano verso il basso la dignità.

IMG 9539

   A conclusione della manifestazione sono state attribuite le borse di studio ai partecipanti alla mostra dei lavori sulla violenza, classificati al primo, secondo e terzo posto: il primo premio è andato alla terza A dell’Istituto scolastico “D’alcontres” di Merì, il secondo premio alla terza A dell’Istituto scolastico “Verga” ed il terzo premio alla terza E dell’Istituto “Foscolo”. Comunque, tutti i lavori partecipanti alla mostra sono stati considerati di alto livello simbolico poiché dimostrano come gli studenti abbiano la consapevolezza di quanto vile ed ignobile sia la violenza e questo non può che essere merito della docenza e delle famiglie.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Novembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30