Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

FATTI DI OGGI

- di Giuseppe Rando -

 

Tre fatti hanno attratto la mia attenzione di recente: il Brexit; il viaggio in Armenia di Papa Francesco; la macchina incendiata di padre Santino Cannistrà. Ne dirò molto sinteticamente, poiché, da uomo di mare, non pettino la cagna.

 

il Brexit

1.) La conseguenza più clamorosa della fuga degli inglesi dall’Europa è che certi uomini e certe donne di formazione fascista (stando al loro cursus honorum) sono diventati, in Italia, paladini di democrazia e/o europeisti convinti: Giorgia Meloni dà lezioni di democrazia, in televisione, a Beppe Severgnini, e Maurizio Gasparri, novello Altiero Spinelli, invita il collega Salvini a frequentare la sua scuola di europeismo, prima di parlare dei difetti dell’unione economica europea. Evidentemente, hanno dimenticato, l’una, che sotto il fascismo i democratici marcivano in galera o al confino (mentre le donne erano costrette alla dimensione delle casalinghe o tutt’al più delle maestrine), e l’altro che il vero Altiero Spinelli, quel suo maestro Benito lo ha mandato al confino, a Ventotene. Miracoli della democrazia … obliterante.

  • Papa-Armenia
        • 2) Vero rappresentante di Gesù Cristo in terra, Papa Francesco non conosce il ni e il so di certi clericali cerchiobottisti: come insegna il suo - e nostro - Maestro, dice «“sì” se è sì, “no” se è no» (Mt, V, 37): pane al pane e vino al vino. I turchi hanno massacrato, tra il 1915 e il 1918, un milione e mezzo di armeni? Sì. Dunque, hanno fatto un genocidio. Lo ammettano. Si pentano. Chiedano perdono. E cerchino, finalmente, armeni e turchi, la via della pace.

autoinfiamme-e1447247673731

    1. 3) Padre Santino Cannistrà è un ottimo, zelante parroco: si sforza di tradurre in comportamenti concreti le parabole di nostro Signore nonché la dottrina sociale della chiesa, seguendo l’insegnamento dei grandi papi che, a partire da Giovanni XXIII, lo Spirito Santo continua a mandare in soccorso della chiesa stessa e dei fedeli. Non è quindi strano che la sua azione pastorale non incontri il gradimento di certa gente, diversamente cristiana, che altri linguaggi e altri comportamenti adotta, compreso quello di incendiare proditoriamente una povera, utilissima macchina, «pensando di limitare la libertà di azione e di pensiero di un prete». Costoro vanno prontamente ricercati e giustamente puniti, senza dubbio veruno. Ma, in questo contesto, appare impropria – sia detto con spirito amicale – la polemica (nemmeno molto limpida nello stile) di padre Santino con la stampa (quale?) che si occuperebbe solo di sacerdoti e vescovi che sbagliano, per giustificarli («conciliante secondo i gusti del momento») o per condannarli «dimenticando che nessuno è perfetto».

 

(foto da Internet)

Ultima modifica il Martedì, 28 Giugno 2016 11:01
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31