Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

LA LETTERATURA SI FA SEMPLICE

 

(pubblichiamo il commento del prof. Roberto Lo Presti   alla presentazione dei libri del prof. Giuseppe Rando)

Un bellissimo  incontro tra buoni amici ,quello di ieri sera al ‘Gabinetto di lettura’  in Messina con l’illustre prof. Giuseppe Rando.  Potremmo affermare un meeting  profondamente vero,sentito, ricco  di ‘vis vitalis’ e di emozioni  in onore  del suddetto  docente universitario di Letteratura Italiana del nostro Ateneo,presieduto dalla chiar.ma prof.ssa Paola Radici Colace. A seguire gli interventi della prof.ssa Patrizia Danzè e del dott. Giuseppe Ruggeri.

a5r

prof.ssa Paola Radici Colace

Come  in un’aula di scuola,tanti  docenti,personalità del mondo della cultura,della politica,studenti  ed ex alunni.  Noi in prima fila  con un taccuino (giusto  perché eravamo  in anticipo alla presentazione  del bel libro : ‘’ Critica,filologìa e scienze umane ‘’ di Giuseppe Rando), abbiamo seguito  con notevole  interesse gli interventi  brillanti sulla  vasta produzione scientifica del prof. Rando. Parlare  dell’illustre docente,scrittore,studioso.presidente  di varie Associazioni culturali e di testate  di giornali e riviste…,non è così agevole.  Allo stesso  modo  non è parimenti facile  sintetizzare quanto detto in oltre  due ore  di interventi,dibattiti tra docenti ed il  professore, artefice  di diversi  libri  di letteratura italiana  moderna e contemporanea.  Tanti  gli attestati di stima e condivisione per l’insigne  studioso, ricco di passione ed amore, umanamente  aperto al dialogo, sempre pronto all’ascolto, al confronto pacato e lineare, dedito  alla lettura approfondita  di testi  classici e moderni  di autori italiani  e stranieri. In  un complesso ,variegato,sovrapposto ,intenso, vivace collegamento  di pensieri  di personaggi tanto seguiti,amati,soprattutto della nostra Sicilia ,tra  gli altri :Verga, Pirandello, Sciascia, Consolo, Quasimodo, Camilleri,Boner, Cesareo, Maria Costa… ed oltre lo Stretto : il meraviglioso primo grande filosofo italiano e poeta :G.Leopardi, C. Alvaro (giornalista calabrese ed europeista),il grande G.Pascoli (già docente presso il nostro Ateneo).

 

arr8

prof.ssa Patrizia Danzè

La prof.ssa Paola Radice  Colace, apre  l’incontro ,asserendo  nella premessa del libro  dell’illustre italianista messinese, che la sua critica letteraria segue  sempre personalissimi punti  di vista, senza ‘ritoccare’ o rivedere  quanti  altri  hanno  proposto criticamente.  Senza  dubbio, egli è servitore  del testo,considera la veritàe ne scava, traduce il pensiero, traendo le conclusioni analizzando nella storia  degli accadimenti,l’ambiente  di vita.  La sua letteratura  si fà semplice , è chiarezza umana, pur  il profilo di ogni suo libro è dimensione umana, si richiama spesso,forse incosciamente, a Vittorio Alfieri.  E’ stato detto che le cifre  generali  sentono il calore  di una sua dimensione riservata, silenziosa, rispettosa, che  ama, si nutre in modo  continuo  e crescente della lettura  di molteplici testi.  Da essi coglie tante particolari  voci, sottovoci, analogie, confronti  d’autori famosi  e meno che nell’ispirazione silente esaltano in lui la bellezza per la Natura e nell’idioma classico il, quel sentimento  puro ,alto : tanto  vicino alle stelle. Egli rispetta l’amico,  coltiva l’amicizia, che è dono d’amore , rimane  così custode e cultore di essa.  Gradisce con forza ed impegno, come  si diceva, interpretare  i simboli e schemi  spesso  per altri insignificanti, ne cuce un primo step interpretativo  e poi con altri  struttura  un collage affettivo,emotivo, sociale di grande impatto significativo ; interviene ancora sui fatti e non sulle persone.

arr7

dott. Giuseppe Ruggeri

Ammira  V.Alfieri : uomo saggio e razionale , l’efficace Costituzionalista che pone ordine alle leggi,ai regolamenti del vivere  civile  quotidiano ne propone  altri  di natura meramente socio-economica commerciale.

Animata e  complessa  ogni risposta  circa il ‘’Laboratorio di G.Verga’’,il tenace verista  con il lavoro necessario ; l’illusione  della realtà. Ancor più noto per aver rilasciato la lezione dell’oggettività.

Ammirabile, non và dimenticato  il lavoro di Verga su L.Pirandello ( frode  culturale; la contradditorietà del reale; la frattura  del testo ed il modo ). Indimenticabile lo scritto  del Verga :  ‘’La lupa’’ come  racconto e poi posto  sulle tavole  in opera teatrale. -L’attività  critica canta le ‘incostrazioni operative’ tra Verga e Pirandello, esse  non sono solo voci  di ieri, poiché  oggi  sono assai  attuali. –

Tra G.Rando e Maria Costa tanta  amicizia sincera, forte, solare  come  il caldo Mar Nostrum che lambisce le spiagge  di contrada Paradiso e di Torre Faro , quest’ultimo sito natìò  del professore  che visse vicino le barche  colorate, le reti  ‘ammugghiate’, i profumi salmastri e gli echi delle sirene d’ Ulisse ,al passaggio tra Scilla e Cariddi. I’ idioma della M.Costa ,tanto verace,intenso,naturale, battagliero contro ogni violenza, dominazione , soprusi…: tanta storia di ieri ieri.

Potremmo argomentare del  dialogo profondo  ed approfondito  tra i due  docenti  del nostro antico e glorioso Ateneo :  Rando e Pascoli, quest’ultimo scrittore,poetissimo ed estimatore  della nostra Università degli Studi  di Messina, luogo  di quiete e d’ispirazione (v: ‘L’acquilone’)-

Cosa  aggiungere   nel dialogo tra Rando e Leopardi ? – ‘’Lo Zibaldone’ ,’’L’ infinito’’  tanto è emerso dall’italianissimo e giovanissimo poeta e filosofo  : Giacomo. Per G.Leopardi : ‘ La poesia è scienza’’: --

Potremmo continuare a lungo a scrivere  le nostre sensazioni, emozioni, evoluzioni ,sviluppi ed aperture in un mondo non piccolo e ridotto a solarissima e generosa Isola, non scordiamo che la Cultura siciliana  fu un tempo  europea.  Grazie ,complimenti a tutti e  ad meliora  semper ,caro amico prof. G.Rando – Roberto Lo Presti –

a6rr

- Prof. Giuseppe  Rando -

P.S. Leggendo i vari autori di Sicilia, esco  fuori tema, ma ho visto nel bel film  di Baarìa di G. Tornatore delle scene  che ho così brevemente segnato ,grazie ancora :  -- La condizione  delle famiglie siciliane  dopo la seconda guerra mondiale.  E’ ciò che ritroviamo  in scrittori e poeti di  Sicilia  nei testi  scolastici e meno. --Nelle suggestive ,molteplici,variegate ,segnate figure,che appaiono per dieci minuti,possiamo, per somma sintesi ,asserire che la regìa formidabile,muove: con gli occhi e con una sola mano,tutta una somma d'immagini,ora sofferte,ora ridenti di giovani: 'I futuri sposi',innamorati e sicuri di una vita decisamente serena,prospera ,da amare con tanto rispetto. La dignità delle madri,pur stremate e pallide ma sempre pronte a sollevare,le sofferenze dei figli e nipoti,i ‘’carusi’’,le dolci adolescenti, le comari dal balcone, i fiumi di vino nelle feste di famiglia,i gruppi solidali e forti ,ancor più rafforzano i durevoli sentimenti di una società ad economia agricola e zootecnica.In tal contesto,inizialmente pacato e lineare, si ribalta successivamente ,la vita di ciascuno e di tutti.  La IIa guerra mondiale appare  nefasta…- Il fascismo dominante regge ed impone comportamenti 'a senso unico',i non fascisti,i dissidenti,i cattolici,il clero oscillante,l'arrogante di turno,la definizione di speranze di politiche nuove...il tutto porta ad un caos spaventuoso,irruento,che straccia ogni volto umano,i poderi e le case...Immagini,dicevo , tanto feroci quanto vere,sono compiutamente articolate e rafforzate pur nella polvere che si solleva e cancella pur essa ogni aspetto primitivo del paesaggio;che tuttavia rimane fermo nella dimensione altamente cristiana per la presenza Altissima della chiesa del Paese che emerge nella totale bellezza del barocco siciliano,incancellabile e ricchissima dimensione ornamentale dei nostri cari Padri ...lontani. -- 

 - di Roberto  Lo Presti  già docente d’ Economia  a contratto c/o Un.di Messina -

Ultima modifica il Lunedì, 06 Febbraio 2017 12:03
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Agosto 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31