Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Cordoglio per la scomparsa di suor Felicina Coccia

Il giorno 18 aprile 2018 nell’Istituto “San Giovanni Bosco” di Messina, il Signore ha chiamato alla felicità del suo Regno la nostra carissima

Suor Felicina Coccia

 

Nata a Cosenza il 23 gennaio 1929

Professa ad Alì Terme (Messina) il 5 agosto 1952

Appartenente all’Ispettoria Sicula “Madre Maddalena Morano”

Lei stessa scrive: “Appartenevo ad una famiglia numerosa, avevo cinque sorelle, di cui una FMA, Sr Eleonora, e due fratelli.

Abitavo a Messina, dove la mia famiglia si era trasferita nel 1939; mio padre aveva chiesto ad un amico una scuola di monache per le sue figlie, gli fu suggerito il Don Bosco dove ci iscrisse.

Ho pensato per la prima volta alla vita religiosa come una possibilità per me intorno ai 14 anni, ma ho respinto l’idea perché mi sembrava in contrasto con i miei gusti, ma il pensiero ogni tanto tornava finché ho capito che il Signore era la Persona che mi interessava di più ed era una scelta per sempre.

Così il 31 gennaio 1950 iniziai il postulato. Dopo la professione, il 6 agosto 1952 sono venuta a Messina e qui sono rimasta fino ad oggi.

Ho insegnato Lettere in varie classi e l’ho fatto con gioia, sono stata assistente di squadra e mi è piaciuto sempre stare con le ragazze.

L’insegnamento mi ha dato molto, mi ha arricchito e ho sempre cercato di suscitare l’interesse per il bello e il grande, per i valori più alti.

Vorrei ricordare qualche persona che il Signore mi ha messo accanto per aiutarmi a crescere.

Prima educatrice nella fede mia madre. Aveva una grande fiducia nella Provvidenza e spesso concludeva i discorsi dicendo “Deus providebit”, questa fiducia incrollabile l’ha trasmessa a noi; poi Suor Maria Blunda, insegnante educatrice, mi ha trasmesso il gusto del lavoro per Dio, l’amore al Papa, la gioia dell’amicizia con il Signore; inoltre Don Calogero Conti, sacerdote salesiano, santo e dotto, aveva il dono della chiarezza, che rendeva facili anche concetti difficili, mi ha aiutato a comprendere il dono della vita religiosa, la gioia profonda che nasce dal sentirsi amati da Dio”.

Sr Felicina, conseguita la laurea in Lettere all’Università di Messina nel marzo del 1952, subito dopo la professione religiosa iniziò la sua missione di insegnante nella Scuola Media, nel Ginnasio, nell’Istituto Magistrale e nel Liceo Socio-psico-pedagogico dell’Istituto San Giovanni Bosco di Messina fino al 2007.

Alcune testimonianze: <“Nel mezzo del cammin di nostra vita…” così entrò in aula svariati anni or sono, così ci introdusse a Dante. Non esisteva lezione d’Italiano che non fosse spiegata per filo e per segno. E guai a non ricordarla durante le interrogazioni. “Ah povera vecchia” - ti diceva, scherzando, a te che degli anni suoi, ne avevi meno della metà. Insegnante attenta e imparziale, donna dolce e disponibile sempre per fare “due chiacchiere”. Non si fermava mai, “chi si ferma è perduto” diceva. La vedevi a passo più o meno lesto nei corridoi. Sempre con libri, fogli in mano e voglia di imparare qualcosa di nuovo. Mi ha insegnato a studiare, ad amare la lettura, mi ha insegnato tanto anche se a volte non l’ho messo in pratica. Mancherà ne sono certa a tutti, tutti coloro che in lei hanno avuto un’amica educata, onesta e affettuosa>.

“E’ stata una brava docente, una suora fedele agli insegnamenti di Don Bosco. Lascia nel mio animo, a distanza di 45 anni, un ricordo dolce e profondo… Ora dal Paradiso continuerà a stare accanto alle sue sorelle e a tutte le generazioni di giovani a cui ha dato tanto”.

Sr Felicina era un’anima di preghiera, coltivava la sua vita interiore con letture bibliche, teologiche e salesiane; amava la vita comunitaria ed era fedele agli incontri formativi durante i quali dava il suo apporto originale e propositivo. Di mentalità aperta e ottimista, accoglieva con entusiasmo i cambiamenti culturali e le nuove istanze educative.

Ringraziamo il Signore per averci donato questa sorella che ha dedicato la sua esistenza a Dio nella Congregazione delle FMA incarnando l’amorevolezza di Don Bosco e di Madre Mazzarello.

Con grande riconoscenza offriamo per lei la nostra preghiera di suffragio e le chiediamo di intercedere per ottenere alla Chiesa e al nostro Istituto vocazioni sante e generose.

Ultima modifica il Giovedì, 19 Aprile 2018 07:39
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Dicembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31