Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Appuntamento con Peter Doherty ( il poeta del rock) al Teatro Centrale 12 ottobre 2019 a Roma

 

- di Eva della Gherardesca -

RomaIl dodici ottobre l'organizzazione Euphoric porterà a riaprire i sipari del Teatro Centrale con l'artista Britannico Peter Doherty. Il Teatro è stato già inaugurato con successo con il duo Danese " Lust For Youth " e La Repubblica lo ha definito come nuova casa della musica indie.

Precedentemente Euphoric ha già portato nella città eterna artisti come Jhonny Borrel, Babyshambles, Peter Hook e molti altri nelle notti musicali romane. Il Teatro Centrale si trova a due passi da piazza Venezia e Corso Vittorio Emanuele, ed è ricco di storia. La struttura fu trovata tra il 1925 e 1930, dopo la demolizione del vecchio cinema Campidoglio e la ricostruzione come Teatro Centrale ,da allora, si sono esibiti attori e cantanti del calibro di Carmelo Bene e Paolo Conte. Negli anni settanta è stato anche sede delle assemblee del partito radicale. Dopo essere stato ristrutturato, nel duemilatre ha riaperto gloriosamente con un'architettura che racchiude antichità e modernità, ideale per accogliere l'artista che ha portato contenuti classici della letteratura cui il Libertinismo, il Mito ,e il Decandentismo sulla scena rock. Il nome Euphoric si ispira probabilmente alla parola euforia la cui etimologia deriva dal Greco εὐφορία   êu -bene e phèro -porto , dal significato letterale di portare abbondanza, fertilità, dunque si traduce nel più vivace fervore creativo di idee ed esuberanza che contraddistingue i concerti in grande stile, lo stile di un'organizzazione dedicata ai giovani. Ad aprire il concerto di Doherty sarà "The Lira" con Richard Green ,artista Romano che canta storie di vita e denuncia la condizione della sua città con toni di ironia e rabbia come in " Non piangere" e " Sbagliato" tratta dall'album "Quadraro basement" attualmente al lavoro per il nuovo EP. Il Quadraro non è solo un nome inserito in un album ma un quartiere della capitale noto per essere stato uno dei centri più attivi dell'antifascismo, subì un tragico rastrellamento da parte dei nazisti nell'aprile del 44(Q44).

 796d2716fb3abc20a6876d5402a7af7551b752cec152d53520f33d33c5136d4b fJXcH5S

Oggi la borgata non ha perso il suo spirito indipendente e ribelle . Passeggiando si possono ammirare i murales che rappresentano la collezione di "MURo" , il museo di Urban Art pubblico e gratuito , fondato nel duemilaedieci dall'artista David " Diavù" Vecchiato. La street art del Quadraro rappresenta fondamentalmente un tributo in ricordo delle vittime della strage del 44,artistica espressione di una protesta contro ai regimi che negano la libertà dell'essere umano.

Un appuntamento dunque non perdere per una serata all'insegna della libera espressione con Richard Green e l'ultimo libertino in tour per l'Europa. In seguito all'uscita del suo nuovo album :" Peter Doherty e The Puta Madres", la band multiculturale che irrompe contro la Brexit e tutti i confini geografici e mentali creati dagli esseri umani per imprigionarvisi dentro ,limitando le proprie vedute. L'album riprende il lavoro cantautorale di Doherty con brani come " Travelling Thinker" nata dall'esperienza in giro per l'Europa con una roulotte e il singolo " Who's Been Having you over", lui stesso ha definito il suo ultimo lavoro come "un devastante ritratto intimo d'amore, perdita e smarrimento". Il cantante e chitarrista armato di rime e di un'armonica da sempre ha affrontato tematiche sociali rilevanti quali la vita di strada, le occupazioni degli Squatters, ha raccontato le condizioni delle carceri attraverso la canzone " Pentoville" e la pubblicazione di un diario scritto durante i giorni di prigionia. Nelle sue canzoni ha anche parlato della droga. E' da notare come il giornalismo di massa abbia fatto dell'uso di droghe e del soggiorno nelle cliniche di disintossicazione un caso di scandalo( parlando dell'argomento in modo sostanzialmente pressapochista e rivolgendo all'artista domande prive di contenuti reali )quando uno dei più grandi autori di tutti i tempi Oscar Wilde del concetto di scandalo ne ha fatto un'aforisma "lo scandalo non è altro che un pettegolezzo reso noioso dalla moralità". Con questo intendo dire che spesso la cronaca ha promosso esclusivamente un archetipo pubblicitario del "rocker dannato" rifacendosi al " maledettismo" , indubbiamente interessante a livello letterario (Rimbaud è tra i poeti preferiti di Doherty) tuttavia trascurando un adeguato approfondimento artistico sulle abilità del musicista /cantautore di talento. Doherty dimostra le sue capacità nei live specialmente negli show acustici. Inoltre ha sollevato moltre altre questioni sociali come il razzismo e l'omofobia, contro ai quali protesta abbattendo le frontiere e portando la bandiera della musica e della libertà nel mondo con l'ideale dell'Arcadia. A Parigi nel 2017 ha suonato in una manifestazione di protesta anti razzista contro la candidata Marine Le Pen preoccupato per la deriva dell'estrema destra in Europa.

Il ventunesimo secolo è caratterizzato dalla possibilità di ascoltare musica spostando le dita su un telefono cellulare , questo ha creato un'estrema facilità di ascoltare qualsiasi brano, di qualsiasi genere, e in qualsiasi momento tuttavia ha anche aumentato la tendenza a sentire i concerti da casa e non più del vivo, confrontandosi con l'artista che incontra il pubblico. Il dodici ottobre vi invito a riscoprire la bellezza e la magia di andare a teatro a vedere un artista che già dato prova di dare il massimo sul palcoscenico tra canzoni nella lista prefissata ed improvvisazione...

 

 

 

 

La Biblioteca regionale sempre densa di appuntamenti di elevato spessore culturale

Venerdi 27 settembre ore 17 Il Risorgimento...

Maria Teresa Prestigiacomo

 

Messina. venerdì 27 settembre 2019, alle ore 17, presso la Sala Lettura della
Biblioteca Regionale di Messina, si affronterà il tema del Risorgimento
attraverso un'importante pagina della storia italiana e della Sicilia
in particolare. Basandosi sul testo "La primavera dei popoli. La
rivoluzione siciliana del 1848" di Roberto Sciarrone, l’incontro, dopo
il momento introduttivo curato dalla Direttrice di questa Biblioteca e
l’apporto dei pregiati relatori, volgerà in dibattito aperto.
Non mancheranno brevi interventi musicali e l'esposizione di
importanti testi a tema.











Ultima modifica il Sabato, 28 Settembre 2019 07:27
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31