Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

L’Associazione Culturale MessinaWeb.eu è lieta di comunicare il vincitore del Terzo Premio - nella sezione riservata alla Poesia in vernacolo - “ Ottava Edizione del Premio Internazionale Arteincentro 2014” .

 

Premio - artista classificato:

Valentina Gangemi di San Pier Niceto (Me)

poesia nr. 10 “TERRA AMARA”

Terra amara

Ddi occhi di na matri

ca cianceru cchiù laccrimi du cielu,

ora vidunu nu scuru, chi mancu a morti pò firmari.

Terra, ‘nta sta terra

di lacrimi e cunfini, d’amuri e fantasia,

‘nta sta terra di chiantu

e di botti ca parunu un giocu focu umanu,

sta terra, si macchioi d’un russu,

chi non è lu suli di lu nostru beddu tramuntu,

ma è lu chiantu di na matri

cu so figghiu ‘nte brazza,

comu un Crucifissu supra l’altari.

Terra, ‘nta sta terra

chi esti di Greci e di Nurmanni, du suli, di l’arti e di billizzi smisurati,

‘nta sta terra sulu un coppu si senti, nu sparu ca dici “Cosa Nostra”.

Dda bucca, ca dissi

cchiù di chiddu chi avia sapiri,

ddi occhi, chi vittunu

chiddu chi lu scuru avia cummigghiari,

dda facci ora vadda lu cielu

e li stiddi si ‘ntricciunu chi so occhi

‘nton chiantu chi sulu Diu pò cunsulari.

‘Na lupara ruboi lu jornu a un velu di sposa

fattu d’un pizzu ca in Sicilia custa troppu caru,

e so matri ora po suli chianciri a so figghia,

motta, pi travagghiari.

Occhi di scuru vaddunu sta terra

‘nta lu postu unni lu cielu si ‘ncontra cu la natura e cu lu mari

e tuttu pari brillari pi la putenza di nostru Signuri.

Eppuru, ‘dda, tra li campagni ‘ncantati,

muriu lu jornu di na Terra

di billizzi e lacrimi amari.

                               

Terra amara

Quegli occhi di una madre

che hanno pianto più lacrime del cielo,

ora vedono un’oscurità, che nemmeno la morte potrà fermare.

Terra, in questa terra

di lacrime e limiti, d’amore e fantasia,

in questa terra di pianto

e di esplosioni che sembrano fuochi d’artificio umani,

questa terra, si è macchiata di un rosso,

che non è il sole del nostro splendido tramonto,

ma è il pianto di una madre

con in braccio suo figlio,

come un Crocifisso sopra l’altare.

Terra, in questa terra

che è dei Greci e dei Normanni, del sole, dell’arte e delle bellezze smisurate,

in questa terra solo un colpo si sente, uno sparo che dice “Cosa Nostra”.

Quella bocca, che ha detto

più di quello che doveva sapere,

quegli occhi, che hanno visto

ciò che l’oscurità doveva coprire,

quella faccia ora guarda il cielo

e le stelle si intrecciano con i suoi occhi

in un pianto che solo Dio può consolare.

Una lupara ha rubato il giorno ad un velo di sposa

fatto d’un pizzo che in Sicilia costa troppo caro,

e sua madre ora può solo piangere sua figlia,

morta, per lavorare.

Occhi oscuri osservano questa terra

nel luogo dove il cielo si incontra con la natura e con il mare

e tutto sembra brillare per la potenza di nostro Signore.

Eppure, là, tra le campagne incantate,

è morto il giorno di una Terra

di bellezze e lacrime amare.

 

 

con la seguente motivazione: Poemetto di ampio respiro, in cui ai moduli pittoreschi dell’idillio campagnolo si contrappone, per improvvisa folgorazione, la realtà più amara e straziante: l’orrore di un delitto di mafia, perpetrato contro un’inerme, giovane figlia. E la scrittura a stento trattiene lo strazio e lo sgomento della madre, metafora di un incancellabile senso di colpa.

 

La giuria deputata a selezionare in maniera meritocratica, le poesie pervenute, è stata presieduta dal prof. Giuseppe Rando.

“Professore ordinario di Letteratura Italiana presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina. Il prof. Rando è altresì membro del Comitato Nazionale per l’Edizione Nazionale dell’Opera Omnia di Federico De Roberto nonché componente del Comitato Scientifico della Fondazione Corrado Alvaro. Ha pubblicato saggi e volumi su autori maggiori e minori della letteratura italiana e segnatamente su Parini, Alfieri, Verga, Pirandello, Pascoli, Alvaro. Studioso di letteratura meridionale, interessato ai rapporti tra giornalismo e letteratura, ha anche contribuito, con una Introduzione e con un’ampia Prefazione, alla ristampa in volume dei Colloqui di Salvatore Quasimodo e de Il falso e il vero verde dello stesso Quasimodo”

-           dalla prof.ssa KETTY MILLECRO: insegnante di Lettere presso l’Istituto tecnico economico statale A.M. Jaci di Messina, poetessa e interprete di poesie in vernacolo ed in italiano;

-           dalla prof.ssa Elvira Bordonaro insegnante all’Accademia di Belle Arti Mediterranea di Messina e poetessa;

-           dal Maestro Mariagrazia Genovese, pianista classica, compositrice e poetessa:

-           dalla Dott.ssa Caterina Morabito, poetessa e Cavaliere della Repubblica.

 

http://www.messinaweb.eu/homepage/le-nostre-iniziative/arteincentro/2014/item/1237-valentina-gangemi-di-san-pier-niceto-me.html

Ultima modifica il Martedì, 11 Ottobre 2016 08:04
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Luglio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31