Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

ANTONIO CATTINO - La bedda addurmisciuta d'u strittu

 

Sta cità di suli, di ventu e mari

 

unni la me vita abbrisci e scura

 

e chi di Storia n’havi a ogni cantu,

 

un ghiornu senza sonnu s’appuggiau

 

pigghiata d’’a calura d’’u sciroccu

 

prisa di lissa, funna s’addurmiu ;

 

 

Passau la Storia e visti ‘sta figghiola

 

chi pi biddizza a lu munnu nun c’è pari

 

stisa supra la rina di la plajia

 

cu’ li so’ pedi all’unna d’’a risacca

 

lu so nomi a li nativi ci spiau

 

e seppi chi Missina era chiamata;

 

 

La Storia lenti fici li so’ passi

 

comu pi non darici disturbu

 

chi a lu sonnu so nun dessi sconsu

 

a menzu li pecureddi strata truvau

 

s’alluntanau supra ‘na quartana

 

p’autri lida putirisi firmari;

 

 

Ogni pasturi arricugghiu la mandra

 

passatu lu piriculu immanenti

 

ognunu ‘nto so stazzu l’abbissau

 

chiudiu pi’la notti e poi si n’annau,

 

strata facennu p’arredi s’addunava

 

vutannusi ogni tantu pi vardari,

 

si menza mai ‘dda bedda criatura

 

s’avissi arruspigghiatu pi svintura;

 

 

Sta parabula jè facili a capiri

 

nun la capisci cu ‘ntenniri nun voli

 

e pensa chi a ogni ghiornu chi c’abbrisci

 

comu chiddu di prima ni ritrova,

 

jè veru lu cuntrariu amici mei

 

chiù sta cità ni dormi chiù si ni va.

 

 

TRADUZIONE:

La bella addormentata dello Stretto poesia di Antonio CattinoQuesta città di sole,di vento e mare/dove la mia vita si sveglia e si addormenta/e chediStoria ne ha in ogni dove/un giornosenza sonno si è distesa/presa dal calore dello scirocco/presa di noia,nel sonno sprofondò;//

Passò la Storia e vide questa ragazza/che per bellezza al mondo non c’è pari/stesa sopra la sabbia della spiaggia/coi suoi piedi a lambire la risacca/il suo nome ai nativi domandò/e seppe che Messina era chiamata.//

La Storia rallentò i suoi passi/come per non darle disturbo/e chenon le scombinasse il sonno/e facendosi strada fra le pecorelle/si allontanò sopra una quartana/per potersi fermare in altri lidi ;//

Ogni pastore raccolse la sua mandria/una voltapassato il pericolo incombente/ognuno nel rispettivo stazzo lo sistemò/chiuse per la notte e poi se ne andò/strada facendo si sincerava dietro/girandosi ogni tanto per guardare/se per puro caso quella bella creatura/si fosse risvegliata per sventura;//

Questa parabola è semplice a capire/e non la capisce chi intendere non vuole/pensando che ogni giorno che sorge/come quello di prima ci ritrova/ è vero il contrario amici miei/più questa città dorme pi se ne va (muore).>

@Antonio Cattino@ traduzione in parte letterale e parafrasata/1 gennaio 2014.

 

 

Antonio-CattinoAntonio Cattino

Biografia: http://www.messinaweb.eu/homepage/le-nostre-iniziative/arteincentro/2016/artisti-partecipanti/item/2584-antonio-cattino.html

 

cattino att

 

DSC 8307

Ultima modifica il Lunedì, 10 Ottobre 2016 10:23
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Luglio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31