Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

UN EVENTO STORICO NELL’OASI DI SAN PIER NICETO - di Giuseppe Rando

San Pier Niceto, il comune dell’entroterra tirrenico della provincia di Messina a una trentina di
chilometri dalla città capoluogo, si segnala viepiù come luogo accogliente, aperto, luminoso, ricco
di splendori artistici – le sue dieci chiese, perlopiù settecentesche, conservano affreschi, statue,
altari barocchi di eccezionale bellezza – e di incantevoli paesaggi naturali.

Isgrò 1
Ieri sera, a incrementarne il fascino, vi si è svolto un evento che scavalca di fatto ogni altra
contingenza locale, messinese e siciliana, per proiettarsi decisamente nella storia: l’amministrazione
comunale, guidata dal sindaco Domenico Nastasi, su impulso, in ispecie, dell’assessore alla cultura
Giuseppe Ruggeri, ha concesso all’unanimità la cittadinanza ordinaria allo scrittore, artista e
drammaturgo Emilio Isgrò, noto in Italia e all’estero, anche per la rivoluzione delle famose
«cancellature». Quanto dire, in primis, che San Pier Niceto ha acquisito di fatto, con questa
iniziativa, una rilevanza internazionale.
L’eccezionale artista Emilio Isgrò vanta – lo ha fatto anche ieri sera – origini sampietresi, dacché
sampiroto era il padre e a San Peri egli stesso, nato a Barcellona Pozzo di Gotto, ha vissuto la sua
infanzia fino all’adolescenza a contatto col nonno di cui porta il nome, un barcellonese invero, ma
sposato con una sampirota e divenuto, dunque, cittadino di San Pier Niceto. Dalla frequentazione
col nonno molto arguto e dotato di ironia, ma anche dai colori, dalle voci e dai sentimenti palpabili
della comunità sampietrese, Isgrò dice di aver tratto non pochi stimoli per la sua crescita. Già a sei-
sette anni, in effetti, come ha riferito in un sapido intervento l’amico Sottile Zumbo, Emilio, alla
domanda di un suo amico che gli chiedeva cosa facesse, rispose prontamente: «Io faccio il poeta».
Il Maestro è stato presentato da una qualificata giuria coordinata, con intelligenza, dal noto
giornalista della “Gazzetta del Sud” Vincenzo Bonaventura, nella settecentesca Chiesa di San
Francesco, attigua al Palazzo comunale, ragguardevole anche per l’altare dalle volute barocche e
per gli affreschi spettacolari delle pareti e della volta.

Si sono apprezzati gli interventi a) dell’architetto Nino Sottile Zumbo che ha rievocato particolari
illuminanti della vita di San Pier Niceto nei primi decenni del secolo scorso e della formazione
sampietrese dello stesso Sgrò; b) del critico milanese Gino Di Maggio che si è soffermato sul poeta
Emilio Isgrò e sulla sua cerchia di amici poeti tra Roma e Milano (Quasimodo e Pasolini compresi);
c) della professoressa Valentina Certo che da storica dell’arte ha evidenziato il linguaggio artistico-
culturale delle «cancellature», d) della professoressa Antonella Nuccio il cui libro sulla “Società
operaia di San Pier Niceto” ha propiziato il ritorno in paese di Emilio Isgrò.
In verità, gli astanti hanno potuto constatare che San Pier Niceto non produce solo olio e vino ma
anche cervelli eccezionali (di cui i sampietresi possono menare sicuramente vanto). Si direbbe,
peraltro, ad onor di cronaca, che la narrazione di e su San Peri stia cambiando in meglio.
La cerimonia conclusiva nell’aula del Consiglio comunale, in cui si è ratificata la concessione della
cittadinanza onoraria di San Pier Niceto a Emilio Isgrò, ha chiuso in bellezza, tra un mare di
applausi, la bellissima serata.

Ultima modifica il Martedì, 25 Luglio 2023 15:31
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Giugno 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30