Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
rfodale

rfodale

- di Maria Teresa Prestigiacomo -

Lo scrittore Grossman è morto nel 2006 nella guerra del Libano.

Chi è David Grossman

Scrittore , regista, filosofo, ha scritto 5 film ed ha conseguito numerosi premi per il lavoro creativo e per la Letteratura; il padre di David Grossman immigrò in Israele all'età di nove anni, proveniente dallo shtetl di Dynów, in Galizia; autista di autobus, per motivi di salute fu incaricato di dirigere la biblioteca dell'azienda di trasporti, ed è lì che David ha iniziato, sin da bambino, la sua passione per la lettura e la letteratura, avvicinandosi precocemente a quella che sarebbe stata la sua futura professione; ed infatti all'età di nove anni, Grossman vinse una competizione nazionale sulla conoscenza dell'opera di Sholem Aleichem[1], successivamente lavorò come attore e come corrispondente per la radio Kol Israel, il servizio radiofonico di stato israeliano. È stato anche uno dei presentatori di חתול בשק (hatul be-saq, "Gatto nel sacco"), un programma per bambini trasmesso dal 1970 al 1984. Nello stesso programma fu trasmesso, sotto forma di dramma radiofonico, il suo libro Il duello. Insieme a Dani Eldar, ha condotto la popolare serie radiofonica Stutz (in Yiddish: "che può accadere"). Il suo rapporto con la radio di stato israeliana cessò bruscamente nel 1988, quando fu licenziato per aver confermato di essere ateo, e per le proprie posizioni politiche[2].

Grossman ha studiato filosofia e teatro all'Università Ebraica di Gerusalemme. Nel 1984 ha vinto il Premio del Primo Ministro per il Lavoro Creativo.

Grossman vive a Mevasseret Zion, vicino Gerusalemme. È sposato ed è padre di tre figli, Jonathan, Ruth ed Uri, morto nell'estate del 2006 durante la guerra del Libano .


Questi i casi di coronavirus riscontrati nelle varie province dell’Isola, aggiornati alle ore 12 di oggi (lunedì 23 marzo), così come segnalati dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.

In totale sono 721 i casi positivi registrati dall'inizio, ma attualmente ne risultano 681 perché 27 sono già guariti e 13 deceduti. Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 42; Caltanissetta, 28; Catania, 262; Enna, 38; Messina, 115; Palermo, 98; Ragusa, 8; Siracusa, 48; Trapani, 42.


Per quanto riguarda i deceduti, a correzione del precedente report, si precisa che i 13 casi sono riferiti alle seguenti province: 5 a Catania, 4 a Enna, 1 ciascuno ad Agrigento, Caltanissetta, Palermo e Siracusa.


Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

--
Fabio De Pasquale
Portavoce presidente
Regione Siciliana
---

 

Vertice stasera a Messina voluto dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, sull'emergenza Coronavirus, al quale hanno preso parte il prefetto Maria Carmela Librizzi, il sindaco Cateno De Luca, i vertici delle Forze dell'ordine e delle Aziende sanitarie peloritane.

Nella sede della prefettura, il governatore ha illustrato tutte le misure già adottate nelle strutture ospedaliere del capoluogo e della provincia messinese per fronteggiare l'emergenza in atto e le iniziative per contrastare un eventuale picco dell'epidemia.

 Musumeci e prefetto Librizzi

In particolare è stato organizzato un Piano, che ricalca il profilo epidemiologico delle aree del Nord maggiormente esposte, che prevede una dotazione adeguata di posti letto Covid-19 con oltre 110 posti di terapia intensiva distribuiti su vari presidi ospedalieri. 

L'assessore alla Salute Ruggero Razza ha quindi descritto quanto è stato predisposto per i pazienti contagiati dell'Istituto Bonino Pulejo, del personale e degli ospiti e gli operatori della casa di riposo in cui si sono registrati dei casi di Coronavirus.

Prima del vertice, il governatore e Razza hanno effettuato un sopralluogo proprio negli ospedali della città dove la riconversione è già stata avviata.

"Ci siamo mossi con largo anticipo proprio per anticipare il virus - ha detto il governatore Musumeci -. Al Policlinico ho trovato un fronte già attrezzato per reggere un urto che nessuno vorrebbe mai attendersi. Anche al Papardo si sta lavorando con grande efficienza e presto, oltre al reparto che ospita già alcuni concittadini contagiati, sarà attrezzato un intero plesso con ulteriori posti letto dedicati alla pandemia".

--
Fabio De Pasquale
Portavoce presidente
Regione Siciliana

- di Maria Teresa Prestigiacomo -

 Caltanissetta." La società moderna aveva rimosso la morte dalle  sue condizioni. Ora si ritrova la nera signora che scorazza e impazza per il globo ed è frastornata ed incapace di mettere in atto azioni che sapeva mettere in tempi bui ma che ha dimenticato: Tutto ha un prezzo.L'economista Smith aveva un assioma semplice   LASCIATE FARE LASCIATE CORRERE LASCIATE PASSARE. Questo lo abbiamo rimosso o al massimo non lo vogliamo accettare. leggendo tutte le statistiche disponibili (mi mancano i dati su età di morte e comorbilità) sino a questo momento non c'è nulla di eccezionale tranne che una proiezione del pensiero e dell'agire umano al basso medioevo senza avere la capacità di vivere nel basso medioevo  e la tv che vomita 24h24 distruzioni e tragedie che numeri alla mano, NON CI SONO. TUTTI DOBBIAMO MORIRE ANCHE GESU' CRISTO NON SI E' SOTTRATTO ALLA MORTE"

Paolo Ivan Tona è  un autorevole scrittore poeta . Tra i suoi libri ricordiamo "Il mistero eleusino",  tra le  sue sillogi poetiche "Poesie internettiane".Il poeta che ho presentato unitamente al giornalista dr Alessandro Benini a Roma  (con  la viceambasciatrice direttrice dei programmi culturali dell' Accademia di Romania a Roma dott.ssa Daniela Crasnaru),  per il suo libro di poesie,  ha ricevuto encomio ufficiale da Maria Luisa Spaziani a Roma al Vaticano per le  poesie di notevole valenza tra significante e significato. Di recente,  lo scrittore Nicola Romano  ha presentato, con successo, al Palazzo d' Orleans a Palermo,  nel 2019,  la raccolta dei suoi scritti. Il dr Tona che ha conquistato numerosi premi per la Poesia , svolge attività di  rispettato medico di base nella Provincia di Caltanissetta.

- di Maria Teresa Prestigiacomo -

Casablanca. Mi faceva piacere trasmettervi integralmente la lettera che un medico e pittore del Marocco, musulmano, ha inteso trasmetterci per la vicinanza a noi tutti, vicini di casa di un Mediterraneo dal cuore antico, un accorato abbraccio di una religione universale. Pertanto, pur salutando con un Inch Allah, egli esprime il suo compiacimento per il Papa e per le sue parole che sono state al di la' di ogni confessione religiosa, rispettose di ogni religione del mondo. Cita la Storia comune di civiltà, di cultura e di amicizia di vicinanza per la stessa area geografica una macroregione da valorizzare noi e loro insieme figli entrambi del Mare Nostrum.

IMG 20200322 WA0032

Insieme divide il nostro dolore. VIVA L'TALIA   VIVA GLI ITALIANI.E noi Aggiungiamo Vive le Maroc, en remerciant

Le medecin Iraqi pour nous avoir partage' ses emotions ses suggestions,  son coeur expression de la meme mére :l' ancienne notre mére ancienne celle Mediterranée -la' qui nous partage mais que nous rend maintenant  plus unis dans la DOLEUR.

Chers amis artistes italiens

Nous avons une histoire et nous avons des moments communs .Volubilis  une cite romaine  au centre du Maroc est encore la ,majestueuse pour rappeler a l 'humanite les oeuvres de la puissance romaine .Au Maroc et dans tous les pays maghrebins mais aussi dans tous les pays du monde il y a en encore et toujours les vestiges de cette grande civilisation .Personne ne peut oublier cela personne n'en a le droit .L'italie ne l'oublions pas a toujours bien accueilli les arabes et le versant sud de la mediterrannee .Le vatican a toujours ouvert ses bras aux autres religions montrant son esprit de tolerance et de convivialite .L'italie a toujours ete proche des pays ayant une grande histoire car l' italie est grande .Il ne faut pas l'oublier .Grande par son passe grande par sa presence grande par ses habitants  et sa diaspora .Alors n'oubliez pas chers amis italiens que vous n'etes pas seuls a pleurer vos morts nous partageons vos peines et deuils.Viva italia viva italiano.

  Dr iraqi med rachid artista fes marocco


Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 12 di oggi (domenica 22 marzo), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.

Dall'inizio dei controlli, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) sono 5.580. Di questi sono risultati positivi 630 (140 + di ieri), mentre, attualmente, lo sono 596 persone (+138 rispetto a ieri).

Risultano ricoverati 275 pazienti (37 a Palermo, 106 a Catania, 57 a Messina, 1 ad Agrigento, 15 a Caltanissetta, 19 a Enna, 6 a Ragusa, 21 a Siracusa e 13 a Trapani) di cui 55 in terapia intensiva, mentre 321 sono in isolamento domiciliare, 26 guariti (11 a Palermo, 6 a Catania, 4 a Messina, 2 ad Agrigento ed Enna, 1 a Ragusa) e 8 deceduti.

Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato 
www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87

--
Fabio De Pasquale
Portavoce presidente
Regione Siciliana
---

Questi i casi di coronavirus riscontrati nelle varie province dell’Isola, aggiornati alle ore 12 di oggi (domenica 22 marzo), così come segnalati dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.

In totale sono 630 i casi positivi registrati dall'inizio, ma attualmente ne risultano 596 perché 26 sono già guariti e 8 deceduti. Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 39; Caltanissetta, 26; Catania, 225; Enna, 29; Messina, 108; Palermo, 81; Ragusa, 8; Siracusa, 48; Trapani, 32.

Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana

Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

--
Fabio De Pasquale
Portavoce presidente
Regione Siciliana



Trasmettiamo integralmente:

Il presidente Giacomo Caudo: "Saremo intransigenti ma bisogna accertare violazioni e comportamenti deontologicamente rilevanti prima di prevedere provvedimenti. No alla giustizia sommaria"

MESSINA (22 mar) - "L'Ordine dei medici e odontoiatri sarà intransigente nei confronti degli iscritti coinvolti nelle presunte vicende legate a ipotetici focolai di coronavirus o in merito al mancato rispetto di norme, anche deontologiche, in occasione dell'emergenza sanitaria": sono le parole del presidente Giacomo Caudo, che già nei giorni scorsi ha precisato in alcune interviste la netta presa di posizione dell'ente, pronto ad avviare gli iter previsti e adottare eventuali provvedimenti. "Bisogna accertare le responsabilità, quindi le violazioni e i comportamenti contrari alla legge e al nostro codice deontologico prima di infliggere qualunque tipo di sanzione. Non accettiamo una giustizia sommaria e approssimativa - conclude Caudo - né tantomeno sterili presunzioni di colpevolezza e liste di proscrizione. L'Ordine farà la sua parte nel pieno e dovuto rispetto della normativa vigente".  

Nella foto: Giacomo Caudo. 

Calendario

« Aprile 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30