Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

2013 - Premio Orione - dott.ssa Concetta BAELI

Laureata in Medicina e Chirurgia specialista in Diabetologia e Igiene, dal 1990 lavora come dirigente medico presso l’Asp di Messina .Dal 2005 è responsabile dell’U.O.S. ADI RSA Malati terminali c/o l’ex Ospedale Margherita.

E ‘presidente dell’AVAMT Associazione Volontari Assistenza Malati terminali che nasce a Messina il 18/07/1991 , con lo scopo di assistere e migliorare la vita degli infermi e rivolge la propria opera soprattutto nei confronti dei malati di cancro in fase avanzata e terminale ,sui quali non si può più intervenire con speranza di guarigione ,ma che hanno l’esclusiva esigenza di ottenere il controllo del dolore e dei sintomi correlati alla malattia..

In particolare l’ Associazione volontari assistenza malati terminali tende al miglioramento della qualità di vita attraverso il controllo del dolore totalmente inteso come sofferenza dei malati e delle famiglie e a raggiungere i seguenti obiettivi:

-mantenere e trattare il paziente oncologico terminale al proprio domicilio;

-creare una coscienza positiva nei confronti della malattia cancro in fase terminale;

-assistere l’intera famiglia come unità.

E’ Formatore di formazione specifica e generale e Operatore Locale di Progetto per i Progetti di Servizio Civile del Ministero degli Interni. Nel 2005 ha avviato “ La Biblioteca S. Camillo “C/O La Parrocchia S.Camillo  Viale P.Umberto di Messina e nel  2007  il Progetto Servizio -” Un Libro A Chi  Soffre”-2008   Progetto Servizio “Un Libro Un Amico Per Chi Soffre”  che ha permesso a 20 giovani di partecipare all’iniziativa che portava al domicilio  il libro scelto dal paziente o dall’anziano veniva anche letto. Dal 2009 l’associazione AVAMT è partner dell’ AISLA associazione che si occupa della SLA (Sclerosi laterale amiotrofica).Lo spirito che ha permesso di intraprendere queste iniziative è legato al concetto universale di umanizzare le cure e di enfatizzare il rapporto con chi soffre che deve divenire soggetto attivo anche nella malattia attraverso il costante supporto di persone che si fanno “Prossimi a chi soffre” e ne ascoltano le richieste e i bisogni e che cercano di intrattenere una relazione amicale quanto più possibile empatica.

 DSC 7196

 motivazione:

Per aver saputo “accogliere”ed “ospitare” il bisogno inalienabile di comprensione e conforto del paziente con una visione olistica della persona sofferente, intesa,quest’ultima,come sintesi di corpo e anima,materia e spirito,bisognosa di relazione sinergicamente empatica ed umanizzante

Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Luglio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31